in

Meningite c sintomi e vaccino: allarme in Toscana

La meningite, come ogni inverno, spaventa la popolazione. E’ importante, però, sapere che è possibile prevenirla attraverso la vaccinazione. Al momento la Toscana è la regione in cui l’allerta meningite è ai massimi livelli. Il prof. Massimo Andreoni, Primario Malattie Infettive Ospedale PTV di Roma, ha chiarito la situazione ai microfoni di Radio Cusano Campus.

In Italia ogni anno ci sono circa 250 casi di Meningite da Meningococco C. In Toscana se ne registrano un numero superiore all’attesa. In questa regione sta circolando un sottotipo di Meningococco C particolarmente virulento, la Meningite Meningococcica mediamente più pericolosa ha una mortalità intorno al 5-10% Questo tipo di meningococco che sta circolando in Toscana è più virulento e sta determinando una mortalità intorno al 15-20% Questo preoccupa, ma parlare di alcuni casi su tutta la popolazione Toscana non deve creare un allarmismo generale sproporzionato. Fondamentale vaccinare le persone a maggior rischio”.

Quali sono i principali sintomi della meningite che dovrebbero far suonare un campanello d’allarme? Febbre, sonnolenza con possibile alterazione dello stato di coscienza, forte emicrania, rigidità del collo, eruzioni cutanee a chiazze, forte fastidio della luce (fotofobia), convulsioni, nausea e vomito. Ovviamente ciò non significa che chiunque li manifesti abbia necessariamente contratto la meningite, è importante stare attenti senza eccedere con gli allarmismi.

 

Gabriel Badilla morte diretta Costa Rica

Gabriel Badilla morte in diretta su Facebook, infarto fatale per l’ex Costa Rica

mantova ragazza sfregiata

Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne 2016: eventi a tema a Milano, Roma, Firenze e Napoli