in ,

Meningite a La Spezia, morto barista 25enne: la lodevole decisione dei genitori

Meningite a La Spezia: il barista e studente 25enne giunto venerdì scorso in condizioni disperate all’ospedale per meningite meningococcica con sepsi non ce l’ha fatta. Gennaro è morto ieri sera 5 febbraio, dopo che nel pomeriggio i medici che hanno tentato il tutto e per tutto per salvargli la vita avevano avviato le procedure per l’accertamento della morte cerebrale.

La meningite lo ha ucciso. Lo studente universitario, 25 anni lo scorso 30 gennaio, che lavorava in un pub del centro spezzino, venerdì quando è arrivato in ospedale era già in condizioni gravissime. I genitori del ragazzo hanno deciso di donare i suoi organi. Già ieri notte è avvenuto l’espianto.

Intanto il servizio di Igiene per tutta la giornata di ieri ha sottoposto a profilassi antibiotica tutte le persone venute in contatto con il giovane Gennaro nelle ultime ore: centinaia di ragazzi che avevano interagito con lui fin prima del ricovero, soprattutto in relazione al lavoro che svolgeva, in un bar. Da oggi per loro l’ipotetico rischio di contagio non esiste più, giacché sono trascorse le 72 ore di possibile incubazione.

Marine Le Pen pena di morte Front National

Francia, Marine Le Pen: “Via dall’Unione Europea” e presenta 144 punti del suo programma elettorale

Oroscopo Paolo Fox 2016

Oroscopo Paolo Fox oggi 6 febbraio a I Fatti vostri: come rivederlo in streaming