in

Meningite Milano, seconda vittima alla Statale: quali sono i sintomi e le cure? Ecco cosa devi sapere

La Meningite torna protagonista. Questa volta a Milano dove Flavia Roncalli, studentessa di Chimica, morta martedì mattina, è stata vittima di meningite fulminante, proprio come capitato, quattro mesi fa, alla coetanea e compagna di facoltà Alessandra Covezzi. Una tragica coincidenza, in un primo momento esclusa dai medici, tanto che non era stata avviata la procedura di profilassi, subito scattata ieri, invece, dalla direzione sanitaria del Niguarda e dall’ASL: chiunque fosse stato in contatto con Flavia negli ultimi giorni dovrà assumere un antibiotico a scopo precauzionale. Durante la giornata di martedì e la mattinata di ieri sembrava si trattasse di un’infezione non batterica, forse una gastroenterite, ma dopo gli esami di laboratorio è arrivata la diagnosi: sepsi da batterio della meningite, proprio come la sua compagna di facoltà di Chimica. Tuttavia, medici e ricercatori tendono a escludere come molto remota l’ipotesi di una correlazione tra i casi.

>>> MENINGITE: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE <<<

Ma quali sono i sintomi della Meningite? Chi ne viene colpito subisce una forte rigidità della nucamal di testa molto forte e senso di confusione, normalmente accompagnati a febbre alta. Mai sottovalutare questi campanelli d’allarme: è bene recarsi subito al Pronto Soccorso poiché la tempestività rimane ancora l’ultima arma per limitare i danni della meningite.

>>> LE ULTIME NOTIZIE DI CRONACA CON URBANPOST <<<

Come difendersi dalla Meningite? Esiste innanzitutto il vaccino ma solo quello per la variante C è completamente gratuito in Italia: per la variante di tipo B, quella che colpisce i bambini, il vaccino è stato introdotto nel piano nazionale solamente da due anni e, infine, per le varianti W e Y il vaccino è facilmente acquistabile. I vaccini, però, non hanno un’efficacia immediata: tutti hanno necessità di tre/quattro settimane prima di essere attivi ma, in generale, hanno una durata “a vita”, soprattutto se fatti in tenera età. L’unica eccezione è il vaccino per la variante W e Y che ha una durata di circa 10 anni. E i bambini, come possono tutelarsi dalla Meningite? Esiste una prima vaccinazione anti meningite da Haemophilus Influenzae B prevede tre richiami al 3°, 5° e 11° mese di vita del neonato ed è solitamente effettuata insieme a quella antitetanica, antidifterica, antipertosse, antipolio e anti epatite B. Quella anti meningite da Streptococcus pneumoniae (pneumococco) va anch’essa somministrata in tre dosi, al 3°, 5° e 11° mese del piccolo. Per quel che riguarda invece la vaccinazione anti meningite da Neisseria meningitidis C (meningococco C) esiste una sola dose da somministrare a 13 mesi.

 

migliori offerte smartphone tablet dicembre 2016

Migliori offerte prezzo smartphone e tablet dicembre 2016: iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPad Air, iPad Pro, Samsung Galaxy S7 e Samsung Galaxy Tab

Morto Il Boss delle Cerimonie, il cordoglio dei fan su Facebook e Twitter: “Ciao Don Antonio” [FOTO]