in

Menu Natale 2014 Milano

Milano è una città che col Natale ha un certo feeling. E non solo perché è la patria del panettone, ma anche perché la grigia atmosfera meneghina è stata la culla di tanti altri piatti che, anche se non ideati appositamente per il 25 dicembre, si sposano perfettamente con lo spirito del Natale. Qui vi proponiamo un menu natalizio tipicamente milanese, ottimo da preparare a casa o da degustare se passerete il 25 dicembre in un ristorante vicino a Piazza Duomo.

Crostini di sanguinaccio

Un vero classico della tradizione culinaria rurale delle cascine tutt’attorno a Milano. Si preparano prendendo del sangue di maiale freschissimo e versandolo a cucchiate in una padella unta nell’olio. Si frigge ogni frittella di sangue per ambo i lati, si sala e si pepa,  quindi la si depone su di un crostino (o un crostone) di pane, sul quale va sfregato uno spicchio d’aglio.

Risotto alla milanese e ossobuco

Ovvero il perfetto connubio di risotto allo zafferano con l’ossobuco con la gremolada, cioè la salsa o sugo storico con il quale si accompagnano tanti piatti di carne.

Ingredienti per 4 persone.  Per il risotto500 g. di riso arborio; 200 g. di burro; 30 g. di midollo di bue;  una cipolla piccola; una bustina di zafferano; un bic­chiere di vino bianco, brodo quanto occorre; 160 g. di parmigiano.

Per gli ossibuchi4 ossibuchi spessi e magri; un trito di cipolla, carota e sedano; 130 g. di burro;  una scorza di limone, uno spicchio d’aglio, maggiorana; un bicchiere di vino bianco; una manciata di farina.

Il risotto si prepara facendo soffriggere molto lentamente il trito di cipolla insieme al midollo di bue in circa 100 grammi di burro, quando la cipolla accenna ad imbiondire si aggiunge il vino bianco e il riso  e quando il vino è evaporato del tutto si versa lo zafferano mescolando con energia il riso perché si distribuisca in maniera uniforme. A quel punto si aggiunge  progressivamente il brodo mescolando in conti­nuazione fino a cottura al dente. Si aggiunge al­lora il formaggio parmigiano e il resto del burro, lasciando mantecare per un paio di minuti. Si versa quindi nei piatti, ponendo sopra ogni porzione un os­sobuco con un cucchiaio del suo sugo.

L’ossobuco va così preparato: infarinate gli ossibuchi e metteteli a friggere in circa 80 grammi di burro. Come le verdure e la carne co­minciano a rosolarsi aggiungete il vino bianco, quindi, evaporato il vino, coprite la carne con il brodo e lasciatela a cuocere a fuoco medio per circa un’ora e mezza a casseruola chiusa col suo co­perchio, badando che la farina e le carni non si attacchino sul fondo. A cottura quasi ultimata aggiungete un trito di aglio, scorza di limone e maggiorana e si finisce a cottura.

Cassoeula alla milanese

Forse la ricetta lombarda per eccellenza. Ne esistono varie versioni, che differiscono essenzialmente per la consistenza che si vuole dare al piatto. A Milano in particolare a contare è soprattutto che la consistenza sia morbida, compatta e asciutta.

Ingredienti per 4 persone: 250 gr. cotenne di maiale pulite, raschiate e lavate; 400 gr. lu­ganega (salsiccia); 800 gr. costine di maiale;  4 salamini “de verz”; 500 gr. carote; 500 gr. sedano; 2 piedini di maiale puliti, raschiati e lavati; 1 orecchia di maiale pulita, raschiata e lavata; 1.800 gr. verze; un bicchiere vino bianco secco; 30 gr. passato di pomodoro; 1 cipolla media; 1 cucchiaino olio extravergine d’oliva; 1 noce di burro; sale, pepe quanto basta.

Fate bollire per almeno un’ora, in una pentola in acqua bollente, i pie­dini di maiale tagliati a metà, le cotenne e le orecchie. In un casse­ruola grande mettete il burro, aggiungete l’olio, fate soffriggere la ci­polla affettata a fet­tine sottili e lasciatela appassire. Successivamente aggiungete nella casse­ruola le costine di maiale, la luganega tagliata a  pezzetti ed i salamini. Cuocete facendo rosolare bene le carni a fuoco vivace. Versate il vino bianco e fatelo sfumare. Affettate se­dano e carote e metteteli nella casseruola dalla quale avete tolto le carni. Aggiungete un me­stolo d’acqua e la pas­sata di pomodoro, mettete il sale ed il pepe e mesco­late il tutto con un cucchiaio di legno. Mettete il coperchio e lasciate sul fuoco molto basso, state attenti a che non si attacchi sul fondo.  A parte pu­lire la verza, tagliatela a strisce e cuocetela a fuoco basso in una  pentola co­perta con pochissima acqua finché non si appassisce. Mettetela quindi nella casseruola grande mescolandola alle carote, al sedano e alle ci­polle. Tagliate a piccole strisce le orecchie e le cotenne e mettete tutta la carne sulla verdura nella casseruola. Mettete il coperchio alla casseruola e fate cuocere a fuoco moderato per oltre un’ora aggiun­gendo, se è il caso, acqua. Servitela calda.

Panettone

Ingredienti per un panettone casalingo di oltre un kilo:  600 g. di farina, 150 g. di zucchero, 20 g. di lievito di birra,  180 g. di burro, 6 uova, 25 cl. di latte, 100 g. di uva passa, 20 g. di cedro candito, 20 g. di arancia candita, un pizzico di sale.

La sera prima della preparazione, sciogliete il lievito di birra in circa 30 g. di farina e il latte tiepido. Coprite l’impasto con un panno e lasciatelo lievitare, in un luogo asciutto e caldo, per tutta la notte.Il giorno dopo lavorate l’impasto a lungo con 100 gr. di farina e qualche goccia di acqua tiepida; poi copritelo con un tovagliolo e fatelo lievitare vicino ad una sorgente di calore per circa 2 ore. Ripetete l’operazione usando altri 100 gr. di farina e aggiungendo un poco d’ acqua tiepida per rendere l’impasto elastico. Fatelo lievitare per circa 3 ore.Nel frattempo fate rinvenire l’uvetta in acqua tiepida.Poco prima di riprendere l’impasto fate sciogliere il burro in un tegamino su fiamma molto bassa, evi­tando assolutamente che frigga; quindi sciogliete anche lo zucchero e un pizzico di sale in poca acqua, sempre su fiamma molto bassa, ag­giungendo, lontano dal fuoco, 2 uova intere ed i bianchi di altre quattro. Imburrate una pirofila da forno alta e stretta. Lavorate di nuovo l’impasto con il resto della farina aggiungendo, poco alla volta, il burro sciolto e il miscuglio di zucchero e uova, aggiungendo, infine, anche le uvette, ben strizzate e i cubetti di frutta candita. Mettete il composto nella pirofila, copritelo con un panno, e lasciatelo lievitare per circa 3 ore.
 Portate il forno a 180°. Mettete il dolce in forno e farlo cuocere fino a quando la superficie è diventata scura e croccante.

Per leggere il menu natalizio toscano, clicca qui.

Per sapere dove soggiornare a Milano, clicca qui.

renzi grandi opere ultime news

Matteo Renzi ultimi sondaggi: netto calo del consenso personale

amici 14

Amici 14: Francesca va in crisi col brano di Emma Marrone