in

Mercato Milan: Berlusconi indeciso tra Seedorf e Donadoni

Elezioni alle spalle, Silvio Berlusconi nei prossimi sette giorni si concentrerà sul futuro del Milan ed in particolare sulla mossa della prima pedina: quella dell’allenatore. Nelle scorse ora si era vociferata la possibilità di vedere a Milanello il tecnico del Siviglia Unai Emery. In pochi ci avrebbero puntato un euro. Emery non è conosciuto dalle parti di San Siro e dopo le incertezze rossonere degli ultimi anni ci vuole qualcuno in grado di fare quadrato. Ecco, allora, il nome di Ancelotti.

roberto donadoni

Il suo nome era spuntato ancora prima della finale di Champions. Si diceva che, vittorioso o sconfitto, Carletto avrebbe chiuso il col Madrid. Motivazioni: in caso di vittoria della decima Champions, perchè ripetere la vittoria della coppa sarebbe dura; viceversa, chiudere una stagione senza Liga e con una finale persa, un incubo. Ancelotti ha vinto 4-1, ha alzato la Champions e ha dichiarato di volere aprire un ciclo al Real. Lui di cicli se ne intende. Caso chiuso. E allora, il Milan?

La panchina bollente lasciata da Allegri, oggi fa gola a pochi. La squadra è fuori dalle coppe e da rifondare. E proprio per questa ragione – oltre a quelle di bilancio – Berlusconi starebbe pensando di lasciare Seedorf al suo posto. Nelle ultime giornate di campionato ha fatto benino e sembra aver sfatato parte dell’incertezza che aleggiava intorno a lui. L’alternativa di governo della panchina rossonera è Roberto Donadoni. L’allenatore del Parma è stato blindato da Tommaso Ghirardi, ma se il Milan chiama, il bergamasco potrebbe accettare.

Seguici sul nostro canale Telegram

Marco Bocci e Laura chiatti insieme

Laura Chiatti e Marco Bocci: nuove indiscrezioni sul matrimonio dell’anno

emma marrone eurovision song contest

Emma Marrone: una festa infinita per i suoi 30 anni