in

Metropolitana Napoli: mancano i fondi, corse tagliate

Un’altra brutta notizia si abbatte sul trasporto pubblico napoletano. La notiza del mancato sblocco dei fondi indicati all’interno del decreto 174 suona come un allarme. L’impossibilità a svolgere anche le mere operazioni di manutenzione ordinaria dei treni, costringerà la società che gestisce il settore a tener fermi i convogli all’interno dei depositi. Risultato? Un gran numero di corse verrà tagliato dai tabellari.

Situazione che, verosimilmente, si abbatterà anche sulla funzionalità della linea 1 della metropolitana. Anche il numero di vagoni è diminuito in maniera drastica. Basti pensare che, fino a qualche tempo fa, i treni erano composti da 6 vagoni. Dopo le difficoltà palesate in precedenza, il numero è sceso a quattro.

Il tutto sta, in questi giorni, provocando un enorme disagio agli utenti che si ritrovano sempre più in balia di enormi ritardi su tutte le linee. In questo contesto si inserisce l’intervento dell’assessore Donati che ha dichiarato in merito al problema: “Le due partecipate della mobilità vantano crediti nei confronti del comune per 350milioni. Del fondo di anticipo alle due aziende sarebbero spettati 120 milioni, così il Comune avrebbe potuto pagare i debiti pregressi dovendo rispettare il cronologico. Se questi soldi arrivassero, una quota robusta andrebbe appunto ad Anm e Metronapoli, perché sono le aziende alle quali non riusciamo a corrispondere l’ordinario”.

Il monito per far sbloccare la liquidità prevista dal decreto è stato lanciato. Non resta che attendere che i fondi previsti vengano trasferiti al Comune.

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Taglio delle Province, Maroni dice “no”

papa francesco oggi

La merendina del papa ed i social network