in ,

Mezzi pubblici gratis per disoccupati e precari a Milano: ecco come fare

Parte tutto da un’iniziativa del Comune di Milano. L’idea alla base è rendere gratuiti i mezzi pubblici per chi ha problemi economici. Il nome del progetto è ‘Milano Viaggia con te’. Il piano ideato dell’assessorato alle Politiche per il Lavoro del Comune di Milano, vuole mettere a disposizione di precari e disoccupati una serie di abbonamenti Atm. Per “candidarsi” basterà inoltrare domanda dal 18 al 21 Febbraio.

Ma come fare domanda? Il progetto sarà rivolto per il 75% ai disoccupati e per il 25% ai lavoratori precari. Unici requisiti per poter accedere saranno la residenza a Milano per i cittadini italiani, l’attestato di iscrizione anagrafica al Comune di Milano per i cittadini europei e, per i cittadini extraeuropei, l’essere in regola con il permesso di soggiorno. Disoccupati, nell’accesso al fondo, saranno considerati coloro che hanno perso il lavoro prima del 21 dicembre 2015 , oppure anche successivo a questa data, ma in possesso della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro consegnata attraverso il sistema informativo regionale. La definizione di precario invece riguarda diverse categorie di lavoratori da 18 anni a 35 anni. Saranno inclusi coloro che hanno contratti di lavoro a tempo determinato, a progetto, di inserimento, di apprendistato o titolari di borse di dottorato universitarie, assegni di ricerca o assimilabili, con un reddito Isee inferiore o uguale a 20 mila euro.

Per prenotarsi andate sul sito http://numeroplo.comune.milano.it/. Inserite nella pagina che vi si aprirà i vostri dati e se siete “disoccupati” o “precari”. Entro 24 ore arriverà una mail con il numero di prenotazione. Ricordiamo inoltre che questa è la quarta edizione di “Milano viaggia con te” e coloro che hanno avuto accesso al progetto lo scorso anno non potranno fare richiesta.

Ricette dolci Detto Fatto

Ricette dolci Detto Fatto: Michel Paquier presenta Cric Croc Passion

Riforma pensioni 2016 Flessibilità pensione anticipata

Riforma pensioni 2016 ultime novità: ricongiunzione contributiva prima tappa per la flessibilità?