in

Michael Schumacher ‘sveglio’ con la moglie Corinna: la copertina del magazine tedesco fa infuriare i fan

Una pioggia di proteste è ricaduta sul magazine tedesco Die Aktuelle, che ha pubblicato in copertina la foto di Michael Schumacher abbracciato alla moglie Corinna con un titolo davvero sorprendente: Aufgewacht, ovvero ‘Sveglio’. La scelta di cattivo gusto ha fatto infuriare i numerosi fan del pilota, ancora in coma dopo il brutto incidente di Grenoble dello scorso 29 dicembre.

stanza 12 milioni euro

La scelta della redazione non è stata delle più felici, ma le intenzioni erano bel lungi dall’essere irrispettose nei confronti di Shumi. Pare infatti che il titolo di copertina si riferisse ad uno speciale dedicato ai casi di persone che sono riuscite a risvegliarsi dal coma. Evidentemente la scelta del magazine tedesco è stata ardita, ed ha lasciato tutti sbigottiti: i numerosi fan del campione hanno manifestato fin da subito tutto il loro dissenso, c’è chi ha tacciato il giornale di cattivo gusto e chi ha parlato perfino di sciacallaggio. Da parte dell’editore di Die Aktuelle, Gong-Verlag, non sono arrivati commenti alle valanghe di proteste arrivate in redazione, anche se bisogna ammettere che il tempismo non è stato certo dei migliori. I fan sono ancora molto scossi dall’incidente che ha colpito Schumacher tre mesi fa,  e l’apprensione per le sue condizioni di salute, che secondo i medici non promettono nulla di buono, cresce giorno per giorno.

Nonostante la forza d’animo di Corinna, che sta attrezzando un’unità di terapia intensiva del valore di 12 milioni di euro nella loro villa di Nyon, per i medici la situazione continua ad essere molto grave e Schumi avrebbe poche possibilità di risvegliarsi: in questi tre mesi non ci sono stati grandi miglioramenti, e il pilota ha ormai già perso un terzo del suo peso corporeo e continua ad aver bisogno di assistenza.

Anticipazioni Il segreto giovedì 3 aprile: Sebastian rischia la pena di morte

Whatsappite infiammazione ai polsi

Usa la chat per 6 ore e finisce dal medico: diagnosticato il primo caso di “WhatsAppite”