in

Michele Buoninconti volta pagina e riparte da sé stesso: scelta ‘drastica’ e un nuovo obiettivo in carcere

di Michela Becciu – Omicidio Elena Ceste, Michele Buoninconti uomo nuovo. Condannato in via definitiva a 30 anni di carcere (con rito abbreviato), l’ex vigile del fuoco è detenuto dal 29 gennaio 2015, da allora non vede i suoi quattro figli i quali, affidati ai nonni materni, hanno sempre rifiutato i contatti con lui né gli hanno mai fatto visita in carcere. Buoninconti si professa da sempre innocente e si definisce vittima di un clamoroso errore giudiziario.

caso elenca ceste news

Michele Buoninconti trasferito nel carcere di Alghero, ecco perché

Rassegnato al suo destino, ha voltato pagina e ha posto le basi per una nuova vita. Parte da sé stesso, Michele, e si dedica allo studio. Si apprende infatti che in carcere sta studiando per la laurea in economia; questo il suo nuovo impegno per lenire la detenzione che lui reputa ingiusta. Condannato per omicidio premeditato della moglie e occultamento di cadavere – la 37enne scomparve dalla loro casa di Costigliole D’Asti la mattina del 24 gennaio 2014, e i suoi resti vennero rinvenuti casualmente il 18 ottobre dello stesso anno nella fanghiglia del canale del Rio Mersa, a meno di 1 km dalla abitazione – è stato trasferito nel carcere di Alghero, in Sardegna, proprio per poter studiare per conseguire il titolo. Buoninconti, si apprende, riceverebbe poche visite e si sarebbe gettato a capofitto nello studio. Ha perso, con la condanna definitiva, la patria potestà sui quattro figli avuti da Elena Ceste. Non ha più contatti con loro.

Elena ceste ultime news

Michele Buoninconti innocente in carcere come Stefano Binda? UrbanPost intervista la criminologa Ursula Franco

UrbanPost ha chiesto alla criminologa Ursula Franco, consulente di Buoninconti durante l’iter processuale che lo ha visto imputato, il perché di questa scelta dell’ex vigile del fuoco di essere trasferito. Ecco la sua risposta: “Michele Buoninconti si è fatto trasferire ad Alghero proprio per potersi iscrivere all’Università e studiare. Già in giovane età aveva dato alcuni esami alla facoltà di Economia e commercio. Pochi giorni fa, il 24 luglio, alle 19.10, nel momento in cui è stato assolto Stefano Binda, di cui sono stata consulente, il mio pensiero è andato al povero Buoninconti, il quale, a differenza di Binda, non ha avuto la fortuna di incontrare giudici illuminati e sta scontando una condanna a 30 anni per un omicidio mai avvenuto”. Stefano Binda, condannato in primo grado all’ergastolo per l’omicidio di Lidia Macchi (nel 1987 in un bosco di Cittiglio, in provincia di Varese) e detenuto da oltre 3 anni, è stato assolto in Appello e scarcerato immediatamente. La sentenza di secondo grado ha infatti ribaltato quella del primo. Buoninconti innocente come Binda? La dottoressa Franco ne è convinta.

 

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Elena Ceste, la figlia rompe il silenzio: il post su Instagram che spezza il cuore

 

 

Rebecca Staffelli Instagram: il profilo del decolleté oltrepassa la profonda scollatura, fianchi fasciatissimi

Raffaella Carrà età, altezza, peso, vita privata e carriera: tutto sulla conduttrice italiana