in

Micol Azzurro malattia: «Mi guardavo nello specchio e non mi riconoscevo. È stato uno choc»

Micol Azzurro, showgirl e attrice romana, ha raccontato in un’intervista a Ok Salute e Benessere un problema che le ha creato qualche difficoltà: la dermatite atopica. Per combatterla la Marilù de Il bello delle donne… alcuni anni dopo, fiction targata Mediaset, ha dovuto cambiare i prodotti cosmetici, ma anche alimentazione«Appena mi truccavo il viso si riempiva di bolle», ha esordito l’attrice che si è accorta della dermatite atopica mentre era impegnata sul set de La Ladra, regia di Francesco Vicario: «Durante una delle consuete sessioni di make up che precedono le riprese, si è scatenata una reazione allergica. Prurito, ma soprattutto bolle e arrossamento: il mio viso sembrava improvvisamente sfigurato!».

Micol Azzurro

Micol Azzurro malattia: «Mi guardavo nello specchio e non mi riconoscevo. È stato uno choc»

Un dramma vero e proprio per una persona come lei che lavora con la propria immagine: «Mi guardavo nello specchio e non mi riconoscevo. Per me è stato uno choc, soprattutto perché, trovandomi di fronte alle telecamere, sapevo benissimo che ogni minimo difetto sarebbe stato amplificato. Mi sono perciò precipitata a consultare un dermatologo, che mi ha prescritto una serie di test allergologici!». Non è stato facile per Micol Azzurro affrontare questo piccolo grande problema di salute: «La diagnosi di dermatite atopica, con reazioni acutizzate dall’assunzione di alcuni cibi e dal contatto con vari elementi, ma soprattutto con creme, fondotinta e make up, inizialmente mi ha provocato uno stress incredibile!». Per fortuna oggi la showgirl ha risolto: «Curare la dermatite atopica, che sembra essere causata da alcune disfunzioni del sistema immunitario, non è facile. Tuttavia, mi preme sottolinearlo, non è una tragedia, si può superare e ci si può convivere senza troppi problemi!».

Micol Azzurro

«Sono diventata un’esperta nella lettura delle etichette, dove per legge sono riportati tutti gli ingredienti!»

Nel corso dell’intervista l’attrice ha spiegato quali sono stati gli accorgimenti e i rimedi per combattere la dermatite atopica: «Sul set porto con me i trucchi e le creme che sono certa non scateneranno prurito, lesioni della cute o irritazioni. Inoltre, riesco a tenere «sopita» la mia dermatite atopica seguendo una beauty routine tanto semplice quanto efficace: detergo la pelle molto spesso (ottimo per me è lo struccante bifasico), utilizzo l’acqua termale, in grado di ridurre al minimo le infiammazioni e i pruriti, e scelgo oramai da anni prodotti di bellezza biologici privi di parabeni, profumi e alcool. Sono diventata un’esperta nella lettura delle etichette, dove per legge sono riportati tutti gli ingredienti!». Infine Micol Azzurro si è sentita di dare un consiglio ai lettori: «Non fatevi scrupoli e, se necessario, sottoponetevi a sedute di peeling o di laserterapia, che aiutano a far regredire le lesioni cutanee. Oggi la pelle del mio viso, da che era il mio punto debole, è diventata il mio punto di forza: mi dicono che appare luminosa e fresca, forse perché per anni, a causa della dermatite atopica, l’ho curata senza sosta!». 

leggi anche l’articolo —> Massimo Giletti malattia grave: «Sono stato 30 volte a Lourdes!»

(Profilo Instagram Micol Azzurro) 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

raffaella mennoia instagram

Raffaella Mennoia Instagram: «Ci vorrebbe la vergogna…», e scoppia il ‘caso’ Zagarrigo

Jasmine Cristallo

Sardine, Jasmine Cristallo risponde a Matteo Salvini: «Lo devo a noi donne»