in ,

Milan, 85 milioni dai cinesi a Fininvest e cambio di proprietà: Berlusconi resterà presidente?

Dopo i 15 milioni di euro di agosto, Fininvest riceve la seconda rata della caparra da 85 milioni di euro per l’acquisto del Milan da parte dei cinesi. Il cambio di proprietà è un evento storico che è ormai definitivamente arrivato. Tuttavia Silvio Berlusconi dovrebbe restare ancora presidente. Queste le sue parole dopo l’accordo, possiamo dirlo, ormai definitivo: ‘Un passo importante verso il closing previsto entro fine anno‘.

LEGGI LE ULTIME NEWS SULL’AC MILAN

Come riportato dal Corriere dello Sport, la società rossonera verrà rivoluzionata e la gerarchia del Milan dovrebbe prevedere un presidente istituzionale cinese, con Berlusconi che resterà al timone da presidente onorario. Anche la sede Casa Milan potrebbe essere sostituita. Un passaggio di consegne step by step per rispettare il passato ma per avvicinarsi ad un nuovo ciclo che si spera possa portare il club più titolato al mondo di nuovo ai vertici del calcio.

In molti si chiedevano cosa ne sarebbe stato di Vincenzo Montella, visto che l’attuale tecnico rossonero non è stato scelto dai nuovi proprietari. Tuttavia circola fiducia circa la sua permanenza sulla panchina del Milan anche in futuro. A gestire il passaggio dall’era Berlusconi alla nuova sarà l’amministratore delegato Marco Fassone, assieme a Barbara Berlusconi e Adriano Galliani. Tutto fino al 5 novembre, quando dovrebbe essere versato il saldo rimanente da 420 milioni di euro, cifra utile per il closing e il cambio di proprietà definitivo.

RIMANI AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS DI SPORT CON URBANPOST

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

parigi moto esplode davanti sede diplomatica giordana

Orrore in Francia: decapita la madre con forbici e coltello, ricoverato 25enne

Riforma Scuola 2018 Movimento 5 stelle

Inizio scuola settembre 2016: guida emotiva per genitori affetti da ansia da “primo giorno”