in

Milan – Inter news: Inzaghi combattuto tra due moduli di gioco

Mancano soltanto 3 giorni alla stracittadina di Milano. Il clima sta salendo per quello che, si spera, sarà un grande spettacolo. Intanto Pippo Inzaghi contribuisce a scaldare ancora di più l’ambiente, se ce ne fosse bisogno, tramite il suo profilo Facebook: “Milan – Inter è sempre un’emozione unica, voglio che San Siro sia una bolgia, vi aspetto.” Messaggio rivolto ai tifosi rossoneri che siamo sicuri non mancheranno all’appello del loro mister. Intanto, sul campo, Inzaghi sta studiando tutte le possibili contromosse per battere la nuova Inter di Roberto Mancini. Il tecnico jesino ha dalla sua parte il fatto di poter contare sull’effetto sorpresa.

Inzaghi si trova combattuto tra due possibili moduli di gioco: 4-3-3 4-2-3-1 è questo il dilemma. In entrambi i casi uno dei protagonisti rossoneri sarà Giacomo Bonaventura. Proprio lui che ha rischiato di giocare questo derby con l’altra maglia. In caso di 4-3-3 l’ex atalantino andrà a posizionarsi in mediana al fianco di MuntariDe Jong, il quale non è ancora sicuro di essere della partita nonostante l’ottimismo che circola sulle sue condizioni. Con il 4-2-3-1 Bonaventura si troverebbe dietro l’unica punta, in posizione di trequartista centrale con El Shaarawy Honda ai suoi lati.

L’altro grande dubbio di Inzaghi riguarda la scelta della punta: ascoltare Berlusconi che vorrebbe sempre un ariete in mezzo all’area (quindi giocare con Torres) o preferire seguire il proprio credo di gioco, che finora ha portato più fortuna, quindi schierare Menez in posizione di falso nueve? Per quanto riguarda i due infortunati, De Jong Abate, si sta lavorando per fare il miracolo di vederli in campo, anche ieri si sono allenati a parte e oggi sarà una giornata fondamentale per decidere il da farsi. Il tempo stringe e il Derby si avvicina.

Negozio di coccole a 50 euro l'ora

Il negozio delle coccole: un’ora di abbracci costa 50 euro

Emilio Pucci 100 anni dalla nascita dello stilista politico

Emilio Pucci: 100 anni fa nasceva lo stilista “Principe delle stampe”