in ,

Milan News: Berlusconi tentato da Richard Lee, i cinesi non mollano la presa

Da quando la donna misteriosa dagli occhi a mandorla ha fatto visita al Presidente del Milan Berlusconi, l’esito della trattativa per la cessione del club non ha più un esito così scontato. I rapporti tra la cordata cinese guidata dall’imprenditore di Hong Kong Richard Lee si sono intensificati parecchio proprio dal giorno dell’incontro tra Berlusconi e la donna misteriosa, che a quanto pare è un emissario del governo cinese. L’emissario avrebbe illustrato la reale potenza della cordata messa in piedi da Richard Lee e Berlusconi ne sarebbe rimasto talmente sorpreso che adesso la cordata thailandese di Mr Bee può realmente iniziare a preoccuparsi.

Richard Lee, tramite la donna misteriosa, ha comunicato a Berlusconi la volontà di acquistare la maggioranza delle azione del Milan. Inoltre, verrebbe data l’opportunità a Berlusconi di mantenere le quote maggioritaria per qualche altro anno, accogliendo con piacere la volontà di un presidente che è consapevole della necessità di lasciar andare la sua creatura. Le argomentazioni del gruppo cinese sono state così convincenti che entro il prossimo fine settimana Berlusconi incontrerà nuovamente gli emissari di Richard Lee.

La prima proposta del gruppo Lee prevedeva l’entrata in campo con un pacchetto contenente al massimo il 40% delle azioni Milan, con la possibilità entro 4 anni di acquistarne il 70%. Berlusconi è stato sempre affascinato dalla possibilità di espandere il brand Milan nel paese della Grande Muraglia, che conta circa un milione di tifosi rossoneri. Questo potrebbe essere un punto a sfavore di Mr Bee che ora attende nuovi sviluppi e una chiamata da parte di Berlusconi che, al termine dell’incontro, aveva promesso che si sarebbe fatto sentire presto. Si prospetta una trattativa molto lunga ed interessante con colpi di scena sempre dietro l’angolo.

Pavia, consigliera comunale investita: arrestato 27enne moldavo

Stefano Mauri

Calcioscommesse: Ilievski ha voglia di parlare e si aggrava la posizione di Mauri