in ,

Milan News: è De Jong l’accusatore di Inzaghi

La stagione più nera del Milan sembra essere ancora lungi dal vedere la luce in fondo al tunnel. Dopo l’ennesima sconfitta contro l’Udinese e lo sfogo di Inzaghi nel pulman di ritorno, che ha definito i giocatori indegni di indossare la maglia del Milan, lo spogliatoio rossonero sembra essersi definitivamente spaccato. Qualcuno avrebbe osato rispondere allo sfogo di Inzaghi, questo qualcuno sarebbe il centrocampista olandese Nigel De Jong che avrebbe detto al tecnico che è lui a non essere degno di allenare il Milan. Ciò fa capire quanto sia profonda la crisi del club, in quanto De Jong è sempre stato uno degli stregui difensori di Pippo Inzaghi.

De Jong, insieme a un altro gruppetto di “senatori”, avevano provato a far ragionare Inzaghi sull’inutilità del ritiro a questo punto della stagione. Non ha alcun senso mandare una squadra in ritiro quando non c’è nulla da inseguire, anzi, rischia soltanto di peggiorare la situazione, per quanto possa essere possibile. Ma Inzaghi, tradito e ferito dall’atteggiamento della sua squadra in campo, non ha voluto sentire ragioni e questo avrebbe fatto perdere la pazienza al mastino De Jong. Chissà quale sarà stata la reazione di De Jong quando la società ha comunicato che il ritiro potrebbe anche durare fino al 31 maggio…

Comunque resta molto curioso il fatto che uno come De Jong, combattente onesto e leale, si sia esposto così tanto contro l’allenatore. Molto probabilmente la situazione è sintomo dell’addio sia dell’allenatore che del centrocampista olandese. Inzaghi è stato a un passo dall’esonero al termine della partita contro l’Udinese, salvato dall’intercessione di Galliani; De Jong, invece, ha il contratto in scadenza a giugno ma molto probabilmente non gli sarà rinnovato a causa delle sue richieste fin troppo elevate.

Diego Lopez Bologna Serie B

Serie B, Bologna ultimissime: stasera col Catania gara decisiva

NCIS Los Angeles 27 aprile

Programmi Tv oggi, lunedì 27 Aprile: NCIS-Los Angeles e Squadra Mobile