in

Milan ultimissime, Inzaghi: “Menez sarà disponibile, Honda una certezza”

Durante la conferenza stampa di oggi Inzaghi ha parlato dello stato di condizione dei suoi ragazzi e ha dato diverse indicazioni sul match di domani contro il Chievo. Su Honda il mister dice che è in buona condizione, ha dato ottime risposte ed è stato sempre tra i migliori, però tutti i dubbi saranno sciolti con l’allenamento di domani, ma il giapponese dovrebbe comunque partire nell’undici iniziale. Alla domanda riguardante lo scontro al vertice tra Juventus e Roma Inzaghi ha risposto che il Milan deve pensare alla sua partita e ha predicato pazienza, che serve per poter tornare a lottare per il tricolore. Sulle disattenzioni difensive:” Tutti prendono gol su calcio piazzato, noi forse un po’ troppi, serve molta più attenzione, diversi gol presi si potevano evitare”.Milan Chievo Serie A

Inzaghi ha poi lodato Bonaventura che potrebbe anche essere schierato come mezz’ala, vista la sua duttilità, ha grandi mezzi e lo sta dimostrando, molto probabilmente l’ex Atalanta sarà titolare. Non ha dubbi sul modulo Inzaghi: ci saranno 4 attaccanti, ma ha ribadito l’importanza di avere la giusta mentalità, tra questi potrebbe esserci Pazzini, che finora ha avuto poco spazio e ha voglia di mettersi in mostra, il numero 11 è in ballottaggio con Torres a cui potrebbe essere concesso un turno di riposo. Niente di grave invece per Menez che ieri ha interrotto l’allenamento, il francese sarà disponibile ma è possibile che venga lasciato in panchina anche perché finora è stato tra i più presenti, quasi sicuramente dovrebbe giocare El Shaarawy.

Nel finale di conferenza Superpippo ha confermato la voglia della squadra di vincere davanti ai propri tifosi che non smettono mai di sostenere i loro beniamini. Parole al miele anche per Paloschi, i due hanno giocato insieme e Inzaghi sa di essere stato l’idolo del numero 43 clivense che farà di tutto per causare un dispiacere alla squadra che lo ha fatto crescere e poi lo ha abbandonato.

Genitori di yara

Yara, i Gambirasio rompono il silenzio e si rivolgono all’avvocato di Bossetti

La campagna contro l’allontanamento del comandante De Falco è un successo