in ,

Milano, architetto aggredito con l’acido in centro: c’è un fermo

Milano, c’è un fermo dopo quanto accaduto in centro ieri con l’aggressione a un architetto italiano. Un uomo è stato fermato dalla polizia per l’aggressione all’uomo 43enne che giovedì è stato ustionato con una bottiglia di acido in via Città di Fiume, a Milano. Durante la notte la polizia ha individuato un sudamericano -riporta il Corriere della Sera – che dai primi momenti successivi all’aggressione si è sospettato potesse aver lanciato il liquido corrosivo contro il professionista.

>>> Tutte le news con UrbanPost <<<

Alla scena hanno assistito alcuni testimoni che hanno descritto un uomo che scappava (giovane, all’apparenza sudamericano). Il ferito è attualmente ricoverato al Niguarda con ustioni al volto e al collo. La vittima stava litigando con qualcuno che aveva incontrato poco dopo aver parcheggiato la sua Audi nera, con cui era arrivato dalla provincia di Bergamo, dove vive. A quanto sembra, doveva discutere di una questione economica, sembra un debito da saldare, o da riscuotere.

>>> Le breaking news con UrbanPost <<<

Sempre secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti, grazie alle testimonianze dei presenti, durante l’incontro è iniziata una lite, durata non molto: l’aggressore aveva di certo messo in conto che potesse finire male, perché aveva con sé una bottiglia di acido, di quelle che si possono acquistare per pochi euro in ogni supermercato. Le condizioni dell’uomo non sono delle migliori: la vittima è ricoverata al Niguarda, le sue condizioni sono molto serie, anche perché sono passati alcuni minuti prima che qualcuno chiamasse l’ambulanza.

Mad 2018

Università, sciopero dei professori: a rischio la sessione autunnale

Franco Di Mare lascia la moglie? Alberto Dandolo sicuro: “Ha un nuovo flirt”