in

Milano, bimbo ustionato dalla madre con il ferro da stiro: era rientrato con i pantaloni rotti

Ha patteggiato 3 anni di pena la donna che aveva fatto stendere il figlio sul tavolo e lo aveva ustionato col ferro da stiro per ben 11 volte, causando bruciature e ventisei ecchimosi. A scatenare la furia della donna il fatto che il piccolo, un bimbo di 5 anni, fosse rientrato a casa con i vestiti sgualciti e rovinati. Il fatto assurdo, risalente allo scorso dicembre, è avvenuto a Milano.

Milano, bimbo di 5 anni rientra con i pantaloni rotti: la madre lo stende sul tavolo e lo ustiona 11 volte col ferro da stiro

«Uno dice: undici bruciature, addosso a un bambino di cinque anni. Ma la parola e i numeri non rendono l’ idea: perché bisogna immaginare un bambino steso a forza su un tavolo, e la madre che per undici volte gli appoggia il ferro da stiro sul corpo e gli infligge altrettante bruciature, tutto soltanto perché, giocando, era tornato a casa con uno strappo nei pantaloni», così si legge su “Il Corriere della sera” ed è una vicenda che mette i brividi, soprattutto se si tiene conto della dinamica, della tenera età del bimbo, della facilità con cui una madre ha inferito sul corpo della creatura che dovrebbe amare più di ogni altra al mondo.

La 27enne condannata a 3 anni di carcere: la donna dovrà sottoporsi ad un percorso psicologico

La donna, una ventisettenne di origini marocchine, che dopo essere finita sotto processo, ha patteggiato 3 anni di carcere, davanti al giudice non è stata in grado di dare una spiegazione razionale di quanto accaduto. La giovane ha negato di aver subito maltrattamenti simili durante la sua infanzia e ha dichiarato che all’epoca dei fatti era molto stressata. Ora dovrà sottoporsi a un percorso psicologico, richiesto dagli avvocati Drago e Provenzano, dal cui esito dipenderà la decisione del Tribunale dei minori sulla adottabilità o meno del piccolo, che ora è stato affidato ad una comunità protetta. A risultare indagato anche il nuovo compagno della 27enne. Il padre del bambino, invece, vive da tempo in Germania e pare che tra questi e la donna non ci fossero più rapporti di alcun tipo.

leggi anche l’articolo —> Incidente sulla A6 Torino-Savona, bisarca carica di auto si ribalta: autostrada chiusa tra Ceva e Millesimo

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Marco Carta furto magliette: arrivano i filmati della video sorveglianza

Amazon Torino, incendio nel nuovo centro di Torrazza Piemonte: evacuati dipendenti