in ,

Milano, finti aggressori tentano di diventare famosi terrorizzando gli abitanti

In queste ultime settimane, se siete uno dei moltissimi abitanti di Milano che la sera per un motivo e per l’altro passeggiano per le vie della città, vi sarebbe potuto capitare di imbattervi in un gruppo di minacciosi personaggi dal volto mascherato. In alcuni quartieri meneghini infatti si muoveva il gruppo di Alessio Stigliano e Alessandro Tenace, due ragazzi che hanno fondato il duo The Show. L’idea era quella di avvicinarsi col volto coperto a dei passanti ignari e terrorizzarli. Il tutto in luoghi come i sottopassaggi delle stazioni metro, dove nell’immaginario comune c’è quindi il rischio reale di un’aggressione. La scena viene filmata e caricata su Youtube. I video hanno avuto un enorme successo e secondo l’edizione milanese de La Repubblica producono guadagni interessanti per gli autori, mentre Teance sul suo profilo Facebook posta la foto di una tristissima pastasciutta per garantire ai fan che ricco non è diventato.

Nei quartieri di Milano la gang dei mascherati

L’idea della candid camera che sfrutta lo spavento delle vittime per far ridere è datata, non molto originale, ma ha sempre un suo pubblico perché ridere della paura altrui è un modo eccezionale per esorcizzare le proprie. L’idea del duo The Show però è assolutamente imbecille per due motivi. Il primo è la pericolosità di spaventare delle persone in una situazione del genere. Se a una vittima piglia un attacco di cuore, si caga addosso per davvero o reagisce in maniera “sbagliata” (sbagliata un par di palle, in una situazione del genere ogni reazione è plausibile) potrebbe capitare qualcosa di davvero infelice.

L’altra nota di demerito riguarda la finalità dello scherzo. Ovviamente l’idea è far visualizzare il più possibile i propri video, raggranellare follower e diventare delle piccole star del web. L’obiettivo non è sbagliato, anzi. Al massimo è un po’ sconclusionato, ma tentare di diventare “famosi” è divertente e appagante. La cosa deprimente è che tentino la “scalata” persone senza idee e originalità. Cosa vogliono questi? Far parlare di sé. Come ci riescono? Prendendo un’idea normale e portandola alle sue conseguenze estreme, magari provocando reazioni scandalizzate in chi guarda i loro video, articoli (come questo) che li criticano e dare il via al loro spettacolino del vittimismo che trovate nei profili Facebook dei due. Va be’, ognuno ci prova con le capacità che ha.

squadra antimafia rachele ragno francesca valtorta marco bocci

Squadra Antimafia 6 anticipazioni, Rachele nuova fiamma di Calcaterra

Inter ultimissime notizie: Thorir discute dello stadio con i vertici del Milan