in

Milena Vukotic retroscena inaspettato su Paolo Villaggio: «Una persona difficile!»

Senza dubbio uno dei personaggi più riusciti dell’ultima edizione dello show di Milly Carlucci Ballando con le stelle è stata Milena Vukotic, attrice italiana, classe 1935, vincitrice di un Nastro d’argento e più volte candidata al David di Donatello. Una carriera sfolgorante la sua, ricca di film indimenticabili come Gran Bollito di Mauro Bolognini, Il fascino discreto della borghesia di Luis Buñuel, Amici miei di Mario Monicelli, La bisbetica domata di Franco Zeffirelli. Ha lavorato con i più grandi registi del nostro cinema: da Fellini a Lizzani, da Lattuada a Risi. Nel mentre tanto teatro: Cantata di un mostro lusitano, regia di Giorgio Strehler, Le relazioni pericolose di Paolo Poli e Lasciami andare madre di di Lina Wertmüller solo per citare alcuni dei suoi spettacoli. Poi la popolarità televisiva arrivata dapprima col personaggio di Pina nella saga Fantozzi di Paolo Villaggio e poi per la parte di nonna Enrica nella serie cult Un medico in famiglia. Intervistata al programma radiofonico I Lunatici Milena Vukotic ha parlato della lunga gavetta, partendo proprio da quel ruolo che le ha regalato la fama: Pina, la moglie del ragioniere Ugo Fantozzi.

Milena Vukotic retroscena su Paolo Villaggio

Una parte davvero non semplice da accettare, tantomeno da interpretare. «Quando Paolo Villaggio mi ha chiamato per parlarmi di questo personaggio mi ha subito detto di non avere velleità di femminilità, che dovevamo ricordarci che eravamo tutti dei cartoni animati, che di conseguenza con questo spirito è stato più facile affrontare le deficienze di Pina, che poverina era bruttina, con la figlia brutta, con questo senso patetito della vita. Però è un personaggio al quale io mi sono anche affezionata!» – ha affermato Milena Vukotic, che poi ha aggiunto – «Io sul set non mi rendevo conto che stavamo facendo un qualcosa che sarebbe passato alla storia. Sicuramente Paolo Villaggio sì, lui era brillante, vedeva lontano, è stato il creatore di questi personaggi!». Proprio sul rapporto col defunto attore genovese, la Vukotic ha dichiarato: «Con Villaggio pur avendo avuto davvero una amicizia con lui e la sua famiglia lui rimaneva sempre una persona abbastanza difficile da capire, con cui si poteva entrare in confidenza fino a un certo punto. E lo stesso vale per Tognazzi!». Discorso diverso per Lino Banfi, con cui si è creata una bella complicità: «Con lui forse perché è meridionale, è già più facile avere un rapporto più aperto e affettuoso. Pensate che quando ho iniziato Ballando con le Stelle ha mandato un messaggio al mio vero marito scrivendo ‘guarda che bella moglie che abbiamo!».

Il Premio Speciale alla Carriera di Ortigia Film Festival

A Milena Vukotic, assieme a Mogol, verrà consegnato il Premio Speciale alla Carriera di Ortigia Film Festival la cui XI edizione si svolgerà a Siracusa dal 13 al 20 luglio 2019. Come riporta l’Ansa il Festival vuole rendere omaggio all’arte di Milena Vukotic con il Premio Speciale San Gemini alla Carriera che le sarà consegnato sabato 20 luglio a Piazza Minerva.

leggi anche l’articolo —> Vieni da me, Milena Vukotic ricorda Federico Fellini: «Mi aprì le porte del cinema»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Notte Rosa Rimini 2019 programma eventi: tutto quello che c’è da sapere

Laura Cremaschi Instagram, fan in delirio: «Sei un’opera d’arte»