in

Mimmo Lucano arrestato, la difesa di Beppe Fiorello su Instagram: il toccante messaggio

Interviene anche Beppe Fiorello, attore italiano e fratello di Rosario, sul caso del giorno: l’arresto di Mimmo Lucano.  Il sindaco di Riace, Domenico Lucano, diventato un simbolo dell’accoglienza per i migranti, è stato arrestato dalla guardia di finanza, nell’ambito di un’operazione denominata ‘Xenia’. Le accuse per Lucano sono favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. Come fa sapere la procura della Repubblica di Locri in una nota, “i finanzieri del Gruppo di Locri hanno eseguito, alle prime luci dell’alba, un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Locri, che dispone gli arresti domiciliari nei confronti di ‘Mimmo’ Lucano, sindaco del Comune di Riace e il divieto di dimora per la sua compagna, Tesfahun Lemlem, nell’ambito dell’operazione denominata ‘Xenia’”. Beppe Fiorello già nei giorni scorsi aveva parlato della fiction, da lui interpretata, ispirata al caso Riace.

Mimmo Lucano arrestato: Beppe Fiorello iracondo per il blocco di Tutto il mondo è paese

Doveva andare in onda nel febbraio scorso ma invece la fiction Tutto il mondo è paese, ispirata al modello di accoglienza e integrazione della cittadina di Riace e al suo sindaco Mimmo Lucano, è rimasta bloccata negli archivi di viale Mazzini. Una situazione che Beppe Fiorello ha voluto denunciare su Twitter, ricordando le continue ingerenze della politica sulla programmazione della tv pubblica: “Non è la prima volta che una mia #fiction viene bloccata, anni fa le #foibe, il governo di allora non gradì, poi la storia di #graziellacampagna, l’allora Min. della Giustizia si indignò, ora #Riace, bloccata perché narra una realtà e nessuno/a dei miei colleghi si fa sentire”, ha scritto l’attore protagonista della serie. E ha poi rincarato con un altro tweet: “Sono tanti, intellettuali, registi, scrittori, attori, attrici, giornalisti che si indignano per l’esclusione di una giurata da un talent show, pochi invece pronunciano parole di denuncia per questa vicenda che rischia di trasformarsi in censura“. I riferimenti di Fiorello sono al Cuore nel pozzo, fiction sull’eccidio delle foibe che però non subì un blocco né venne espressa un’opinione dal governo.

Mimmo Lucano arrestato: il toccante messaggio di Beppe Fiorello

Questa mattina, martedì 2 ottobre 2018, Mimmo Lucano è stato arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione. Beppe Fiorello è voluto intervenire in merito con un toccante messaggio su Instagram dedicato proprio al sindaco del comune calabro: “Io crederò in te più di prima. Qualcuno si porterà sulla coscienza la vita di un uomo straordinario. Io so che Mimmo non sopporterà questa vergogna, lo ha detto più volte pubblicamente. Cerco parole per difenderlo ma mi rendo conto che lui ora non va difeso… va amato!”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#riace #domenicolucano #mimmolucano #sindacodiriace #iostoconriace

Un post condiviso da Twitter @BeppeFiorello (@giuseppefiorello) in data:

Seguici sul nostro canale Telegram

Replica Grande Fratello Vip 3 puntata del 1 ottobre 2018: dove vedere il video integrale

Una pallottola nel cuore 3 anticipazioni quarta puntata: cosa succederà oggi 2 ottobre 2018