in ,

Minnesota attacco al centro commerciale, Isis rivendica: “Assalitore nostro soldato”

Sarebbe stato rivendicato dall’Isis l’assalto di oggi al centro commerciale di St Cloud, città a circa 100 chilometri a nordest di Minneapolis, negli Stati Uniti, messa in atto da un uomo che, al grido di “Allah Akbar!”, ha ferito a coltellate 8 persone, e ad almeno una di esse avrebbe chiesto, prima di accoltellarla, se fosse o meno musulmana.

L’aggressore – ucciso dalle forze dell’ordine subito dopo l’agguato – “era un soldato dello Stato islamico. Ha compiuto l’operazione per colpire i cittadini dei Paesi della coalizione crociata”, questo il messaggio di rivendicazione diramato via web, tramite la sua agenzia Amaq, dallo Stato Islamico.

Si è appreso che la polizia che indaga sull’accaduto starebbe considerando anche l’ipotesi che possa esserci un collegamento fra l’assalto al centro commerciale e la terribile esplosione a New York in cui sono rimaste ferite 29 persone (già dimesse dall’ospedale), verificatasi nella serata di ieri. Si tratta tuttavia solo di una indiscrezione, giacché il sindaco di New York, Bill De Blasio ha dichiarato in merito: “È stato un attacco intenzionale” anche se al momento “non ci sono prove di legami con il terrorismo”.

Foto da The New York Times Twitter

Un Posto al Sole anticipazioni

Un Posto al Sole anticipazioni settimanali dal 19 al 23 Settembre 2016: nuovo pericolo per Franco

Giulia Salemi a Venezia con spacco ingiunale: Fariba la difende così a Domenica Live