in

Miss Italia 2019 insulti razzisti a una finalista, Ogongo (Cara Italia): «Questi haters sono da denunciare!»

A poche ore dalla finale di Miss Italia, che sarà trasmessa venerdì 6 settembre 2019 in prima serata su Raiuno in diretta da Jesolo, una delle giovani che aspirano alla fascia, corona e allo scettro è stata sommersa da insulti di stampo razzista. Si tratta di Sevmi Tharuka Fernando, ‘Miss Rocchetta Bellezza Veneto’, finita nel mirino degli haters per il colore della pelle.

Miss Italia 2019 insulti razzisti a una finalista, Stephen Ogongo: «Questi hater sono da denunciare!»

Un episodio che mostra ancora una volta il vento di odio che tira sul nostro paese. Sevmi Tharuka Fernando è nata a Padova vent’anni fa, è residente a Villanova di Camposampiero e ha origini cingalesi: il papà si è trasferito in Italia dallo Sri Lanka circa trenta anni fa, per poi essere seguito dalla moglie. La finalista, che ha alle spalle già qualche esperienza nell’ambito della moda e un diploma da estetista in tasca ha fatto storcere il naso agli irriducibili “leoni da tastiera”, per i quali evidentemente il colore olivastro della pelle conta più dell’indiscussa bellezza della giovane, alta 171 centimetri, occhi profondi e capelli neri. Tra i tanti insulti choc: «Non sei una bellezza italiana!» e «Non ci rappresenti!», parole dolorose a cui la concorrente ha replicato con intelligenza: «Se qualcuno mi critica significa che sono stata notata tra le tante. Ignoro gli haters, perché credo che chi è così tarato non cambierà mai idea. Me ne infischio e vado avanti!».

Tanti messaggi di solidarietà per l’aspirante Miss Italia 2019

In molti hanno espresso la propria vicinanza alla giovane Sevmi Tharuka Fernando, vittima purtroppo di imbecillità e di razzismo, quella brutta quanto “strana malattia” – per usare una illuminante citazione di Albert Einstein – “che colpisce i bianchi ma fa fuori i neri”. Tra i tanti il giornalista e coordinatore di Cara Italia Stephen Ogongo, che ha dedicato all’aspirante Miss un messaggio su Facebook: “Hai la pelle scura, non rappresenti la bellezza italica”. Sui social gli hater hanno insultato Sevmi Fernando, padovana di 20 anni, tra le 80 finaliste di Miss Italia. Questi razzisti sono da denunciare. La nostra piena solidarietà a Sevmi che auguriamo di poter coronare il suo sogno di diventare Miss Italia. Senza un ombra di dubbio tu rappresenti la bellezza della società italiana di oggi. Dai, facciamo arrivare a Sevmi la nostra solidarietà e sostegno morale!», accompagnato dagli hashtag: #Bastarazzismo #CaraItalia #MissItalia.

Sulla questione la patron del concorso Patrizia Mirigliani: «Non possiamo ignorare!»

Non è la prima volta, purtroppo, che una Miss viene insultata per il colore della pelle, senza dubbio ricorderete il caso di Denny Mendez, eletta reginetta nel 1996. Anche quest’ultima si è sentita in dovere di inviare un messaggio di incoraggiamento a Sevmi Tharuka Fernando: «Auguri! In bocca al lupo». E subito è arrivata la risposta della ragazza: «Grazie infinite Viva il lupo!».  Sulla questione è intervenuta anche la patron del concorso Patrizia Mirigliani: «Miss Italia da sempre coglie e integra l’evoluzione sociale del Paese. C’è un modello di integrazione che cresce, che si evolve e che non possiamo ignorare!». 

leggi anche l’articolo —> Miss Francia 2019 troppo grassa, risposta epica agli haters: «Mi piace mangiare!»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Audrey Chabloz Instagram, “gambe magnifiche” sotto la micro gonna: «Stratosferica»

Katia Fanelli Instagram, “fotonica” in intimo, tacchi a spillo e gonna a rete: «Bada là che fia oh»