in

Mistero anticipazioni: 15 settembre “Misteri e complotti”, il caso dell’11 settembre 2001

Domani 15 settembre, per tutti gli appassionati, è imperdibile il terzo dei cinque appuntamenti speciali e consecutivi in compagnia del misterioso Adam Kadmon ovvero il “Profeta del Terzo Millennio” su Italia 1 a partire dalle 21.25. Questa nuova puntata è intitolata “Misteri e complotti” e sotto l’attenta osservazione di Kadmon saranno analizzati i complotti internazionali di natura politica ed economica, fenomeni paranormali o ultraterreni e persino gli eventi incomprensibili collegati al caleidoscopico mondo dei credi. Adam Kadmon

La terza puntata sarà dedicata al mistero e conseguente silenzio che si nasconde dietro il più grande e grave attentato del nuovo secolo, quello dell’11 settembre 2001. Un attentato durante il quale due aerei di linea dell’American e della United Airlines si sono schiantati, a distanza di pochi minuti l’uno dell’altro, contro le ‘Twin Towers’ ovvero le due torri, simbolo della città di New York e del potere americano. Tutto questo accadeva mentre un altro aereo è precipitato sul Pentagono a Washington e un altro è caduto in un campi vicino Shankville (Pennsylvania) per volere, forse, dei passeggeri che sono riusciti a bloccare l’attentatore. Proprio nel giorno della commemorazione la città di New York e non solo si è fermata per ricordare tutte le vittime di quel terribile attentato che la mattina dell’11 settembre, di 12 anni fa, ha cambiato il mondo.

Da quel giorno, numerosi misteri circondano l’attentato e il mondo ha conosciuto il ‘terrorismo’ e con esso l’organizzazione terroristica di matrice islamica Al-Qaeda (o Al-Qaida), e il suo leader il miliardario saudita Osama Bin Laden morto, forse, il 2 Maggio 2011. Proprio la sua morte è avvolta da tanti dubbi e la puntata speciale di Mistero si soffermerà su questi interrogativi: rafforzati dal fatto che non sono state mostrate immagini né della sua cattura né della sua uccisione. Poi si sottolinea che in realtà non si trattasse di aerei, per quanto riguarda le Torri, ma di missili, si racconta pure che sul Pentagono non sia caduto nessun aereo, ma ci sia stata solo un’esplosione e che il governo americano sapesse di quell’attentato e che, per inspiegabili ed inquietanti motivi, abbia accettato di sacrificare i suoi cittadini.

 

Seguici sul nostro canale Telegram

paolo ruffini

Paolo Ruffini: da Colorado a Fuga di cervelli senza dimenticare il portauovo di cristallo per Belen

Inizia la scuola: 5 bambini su 10 soffrono di mal di schiena