in , ,

Mistero dei cerchi delle fate in Namibia: ecco l’ultima ipotesi

Il mistero dei cerchi delle fate in Namibia potrebbe essere vicino ad una svolta. Paragonati spesso ai più celebri cerchi nel grano, i fairy circles sono stati recentemente studiati dalla Princeton University che potrebbe addirittura averne scoperto l’origine. Ecco tutti i dettagli…

>>> Misteri irrisolti della storia: 5 tra i più eclatanti di sempre

Cerchi delle fate in Namibia, cosa sono e perché sono tuttora coperti da un alone di mistero? Per chi non li conoscesse, i cosiddetti “fairy circles” sono zone circolari prive di vegetazione che – distribuite in maniera irregolare – sono circondate da un anello di erba alta del genere Stipagrostis. In particolare, i cerchi delle fate si sviluppano su una fascia di 2mila chilometri lungo il margine orientale del deserto della Namibia meridionale. Nonostante non si sia mai conosciuta la reale origine di tale fenomeno, gli studiosi hanno calcolato che la vita media di ogni cerchio delle fate è di circa 24 anni, anche se quelle più grandi possono raggiungere anche i 75 anni d’età.

cerchi delle fate namibia

Credit: Wikimedia.org

Come è possibile immaginare, intorno al fenomeno dei cerchi delle fate si sono create innumerevoli credenze popolari: la più celebre è quella diffusa tra gli Himba. La popolazione che abita il nord della Namibia crede infatti che i “fairy circles” siano un fenomeno di origine divina ed, in particolare, le impronte del dio Mukuru, portatore delle piogge e guaritore dei malati. Tralasciando le leggende popolari, però, sembra che la Princeton University possa essere giunta ad un punto di svolta nello spiegare questo fenomeno. Come si legge sulla rivista scientifica Nature, i ricercatori hanno ipotizzato che siano le piante circostanti i cerchi delle fate a creare il fenomeno stesso: in particolare, i vegetali in questione sarebbero così desiderosi d’acqua da andare in competizione l’uno con l’altro. Le termiti completerebbero il lavoro. La teoria non convince però del tutto: i cerchi delle fate si sono sviluppati anche in altre parti del mondo, luoghi in cui quel tipo di vegetazione non è presente.

mostre forlì musei san domenico

Mostre Forlì: San Domenico ospita “Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia”

Croce Rossa Italiana

Croce Rossa Italiana assunzioni febbraio 2017: offerte di lavoro a Roma