in

Moda dell’assurdo: Iris Schieferstein, carcasse di animali diventano scarpe

Non si tratta certo di moda ecosostenibile o green style, le  ormai purtroppo celebri creazioni della stilista tedesca, Iris Schieferstein, sono  una vera e propria provocazione.

La scelta stravagante dell’artista che ha deciso di esprimere il suo talento artistico mettendo a punto degli accessori per l’abbigliamento, che non solo si ispirano totalmente agli animali, ma sono realizzati utilizzando proprio parti di animali, ha ovviamente causato infinite polemiche tra gli animalisti e non solo.

Iris Scheiferstein: le scarpe con carcasse di animali

Scarpe con zampe di animali, cappelli e calzature con colombe imbalsamate, lampadari con volatili in posa:  il termine inglese “Hoofing” con l’artista tedesca che pratica la moda tassidermia, ha assunto un significato letterale.

Iris Schieferstein, ha realizzato questi accessori utilizzando parti di animali prese dalla sua macelleria di fiducia a Berlino, e ha dichiarato che in precedenza, prima che in Germania diventasse illegale, raccoglieva materiale che trovava per strada e tra i rifiuti.

Eppure sono in molti ad apprezzare scarpe e cappelli della stilista, come ad esempio, e potevamo aspettarcelo, la cantante Lady Gaga, che ha indossato delle scarpe con zoccoli di cavallo. Costo di questi artistici accessori? In media 4000, anche 5000 dollari e sono praticamente usa e getta perché scomodissimi da portare.

Una passione, quella della stilista tedesca, molto personale e audace, una forma di arte veramente particolare, che ha  l’intento di dare un volto nuovo alla morte. E non è l’unica. Anche il designer statunitense Reid Pepper pratica la moda tassidermia creando accessori per capelli con cavie e gioielli con ossa e organi di animali.

Una tipologia di moda che non può lasciare indifferenti, si possono infatti considerare accessori, se non discutibili, senza dubbio provocatori.

 

Immagine in evidenza coconart.com

Genoa-Napoli 31 agosto 2014

Genoa-Napoli 31 agosto 2014 ultime notizie

scienza

Pomezia produce il siero anti-ebola