in

Moda Uomo Milano Fashion Week: tendenze d’oriente per l’uomo Brioni e Missoni P/E 2015

Dicono che la settimana della moda più bella sia quella dedicata all’apparel maschile, perché l’uomo ha meno disponibilità nel variare i capi, e tutto fa giocare con le forme, i tessuti e le fantasie, per interpretare tagli e indumenti a cui l’occhio è già abituato, in chiave sempre nuova, o reinventata, in modo da soddisfare i gusti più diversi. L’uomo contemporaneo è curato, attento e riflessivo quando sceglie cosa indossare, non subisce, come le donne, il fascino dell’attrazione di un vestito al primo sguardo. Gli stilisti, dunque, per realizzarne le aspettative, puntano più sulla intelligenza di confezione che sulla pulsione creativa. In occasione della Fashion Week,  Brioni e Missoni ci hanno condotto, attraverso un viaggio visivo, in Oriente, dove, nei deserti tra nord africa e giordania e nelle terre del fior di loto, incontriamo le nuove tendenze per la primavera-estate 2015.

Milano Fashion week 2014 uomo brioni

Missoni punta su un capo tradizionale delle tribù del deserto, la tunica djellaba, che accorcia e intesse finemente all’uncinetto, rendendola moderna. L’uomo di Missoni è libero e padrone di se stesso, non ha paura di scoprirsi e mostra l’addome sotto la giacca elasticizzata, le gambe sotto i bermuda leggeri e con fantasia a stampa, e infine i piedi, con slippers e sandali in pelle intrecciata, dal sapore etnico. Fantastici, i nuovi modelli in tessuto a fili intrecciati jacquard di sneakers Converse 1970’s Chuck Taylor e All Star slip-on, che ripropongono il particolare effetto spugna, precedentemente visto nelle giacche e nelle maglie.

Brioni, che proprio a Milano, questo 21 giugno, ha aperto il suo più grande flagship store al mondo in via Gesù 2°, ci porta in Giappone. Ispirandosi all’arte sartoriale dei maestri artigiani del kimono, Brendan Mullane, direttore creativo, ha realizzato una linea che, frutto della contaminazione con la tradizione giapponese, propone sulla stoffa ciliegi in fiore, gru e bambù, che troviamo, appunto, sui modelli allacciati in vita delle camicie in seta e dei bomber Kyoto. Questi ultimi, sono caratterizzati da motivi disegnati a mano, e per questo sono disponibili in edizione limitata.
Il tutto è da abbinare al cappotto in visone in principe di Galles e scarpe in doppia fibbia, brogues e mocassini frangiati.

mondiali 2014 colombia gol

Giappone-Colombia Mondiale Brasile 2014, risultato finale 1-4

sarto 2.0

Sarto 2.0: il sarto del futuro, tra tecnologia e moda