in

Mondiale 2014: alluvione a Manaus sede della partita d’esordio degli Azzurri con l’Inghilterra

Sabato 14 giugno l’Italia esordirà con l’Inghilterra nel Mondiale brasiliano ma Manaus, città che li ospiterà, è in ginocchio perché il Rio Grande è esondato allagandola. Inoltre ci sono dei notevoli ritardi nella costruzione dello stadio e c’è pure la possibilità che ci sia un black-out. L’alluvione, che ha colpito il centro del Brasile, ha creato una situazione gravissima perché il livello del Rio Grande ha raggiunto i trenta metri d’altezza sommergendo la parte centrale della città. Arena das Dunas2

Il sindaco della città ha dichiarato lo Stato d’emergenza e le cose, nei prossimi giorni, potrebbero peggiorare. Il Comune starebbe facendo evacuare le famiglie dalle aree più a rischio. Le alluvioni, in questa zona, sono all’ordine del giorno e la città è munita di passerelle metalliche che consentono l’accesso alle aree commerciali della città.  Il caldo umido e l’instabilità climatica rendono la cittadina di Manaus la meno adatta per disputare delle partite di calcio e anche la più soggetta ad improvvisi black-out.  

Seguici sul nostro canale Telegram

Droga

Novara, nascondeva droga dello stupro a scuola: arrestato insegnante

Jovanotti ricoverato in ospedale per una brutta polmonite ma ha votato comunque