in

Mondiale 2014: Juan Camilo Zuniga, dopo il fallo a Neymar, va in vacanza con la scorta

È ancora troppo presto per il Brasile dimenticarsi della pesante sconfitta per 1-7 subita dalla Germania. Un sogno infranto quello del Paese che ospitava la kermesse iridata che va ad aggiungersi alla squalifica per Thiago Silva e a Neymar che si è infortunato, causa fallaccio di Juan Camilo Zuniga. Proprio quest’ultimo, per altro difensore colombiano del Napoli, si è conquistato l’appellativo di “calciatore più odiato”. La Fifa poi non ha preso dei provvedimenti su Zuniga che si era scusato per il suo fallo involontario dal momento che l’arbitro aveva già punito l’intervento. Colombia

Ma le autorità temono che l’esterno possa essere vittima di minacce e di possibili aggressioni da parte di facinorosi tifosi della Seleçao. Per questo la polizia colombiana, che vuole proteggere il giocatore e non vuole correre rischi, ha messo sotto scorta con 10 agenti, Zuniga. In questo momento il calciatore sta trascorrendo dei giorni di vacanza a Chigorodo sua città natale. Questa accortezza proseguirà fino al rientro in Italia di Zuniga e il Ministero degli Esteri colombiano ha chiesto di garantire l’incolumità del giocatore anche nel nostro Paese.

Calciomercato Atletico Madrid: occhi puntati su Simone Scuffet

Mondiale 2014: Neymar dopo 7° gol è andato a giocare a poker