in

Mondiali 2014: chi sarà il capocannoniere?

Spesso il Mondiale viene ricordato non solo per la Nazione vincitrice ma anche per il giocatore simbolo, per il capocannoniere. Nel nostro caso come dimenticarsi delle imprese di Paolo Rossi al “Mundial” in Spagna del 1982 o di Totò Schillaci a Italia ’90?
Quest’anno più che mai regna l’incertezza assoluta su chi potrà aggiudicarsi la palma di miglior marcatore; deve essere considerata infatti l’evoluzione nell’impostazione di gioco, con la maggior parte delle nazionali che adottano moduli tattici in cui si privilegiano gli inserimenti dei centrocampisti e degli esterni a discapito del classico bomber da area di rigore.

Mario Balotelli facebook

Il favorito non può che essere Cristiano Ronaldo; il portoghese, pallone d’oro in carica, sta disputando una stagione su livelli impressionanti come testimonia il record di gol in una sola edizione di Champions League (sedici, con ancora la finale da disputare) e il suo trionfo nella classifica marcatori è quotato a 13. Stessa quota anche per Messi e Neymar, stelle di Argentina e Brasile; la “pulce” in particolare deve dimostrare di poter fare la differenza non solo nel Barcelona in cui è assistito da giocatori del calibro di Xavi e Iniesta, ma anche nell’Argentina come fece Maradona nel 1986.

Possibili sorprese possono essere la l’uruguayano Suarez, 17 la sua quota, il naturalizzato spagnolo Diego Costa dato a 26 volte la posta e il tedesco Thomas Muller (quotato a 29), capocannoniere al Mondiale 2010 con 5 reti.Per chi ama rischiare, si può puntare sulla definitiva maturazione calcistica di Mario Balotelli a 34 o sul talentuoso trequartista belga del Chelsea Eden Hazard dato a ben 81 volte la posta.

Seguici sul nostro canale Telegram

Venezia mostra design 2013

Venezia, la città italiana più imitata nel mondo

Cannes 2014 red carpet: il look di Monica Bellucci strega il Festival