in

Mondiali 2018, Kalinic della Croazia rispedito a casa: ecco il motivo

Caos Croazia ai Mondiali 2018. Nikola Kalinic il ribelle torna a casa, il rapporto con il c.t. Dalic si è deteriorato in maniera definitiva sabato sera durante la partita con la Nigeria vinta dalla Croazia. Nei piani del tecnico, Kalinic avrebbe dovuto prendere il posto di Mandzukic nei minuti finali. L’attaccante del Milan però ha accusato un mal di schiena che non ha molto convinto Dalic, anche perché c’era un precedente: già a Liverpool, durante l’amichevole con il Brasile, l’ultima giocata prima di partire per la Russia, Kalinic si era rifiutato di subentrare accusando qualche fastidio fisico. La sua insofferenza alla panchina è diventata evidente nella prima serata del Mondiale croato e il c.t. ha meditato a lungo prima di prendere una decisione che lascerebbe la sua squadra con un uomo in meno. Ma l’inquietudine di Kalinic rischia di turbare l’atmosfera che si è creata nel gruppo.

Leggi anche: Tutte le news sui Mondiali 2018

calciomercato Cina Maccarone

Kalnic della Croazia torna a casa

Ieri Dalic non ha voluto rispondere a una domanda diretta su Kalinic e ha annunciato che oggi si sarebbe saputo tutto. Probabilmente avrà anche avuto bisogno di consultarsi con il suo staff e con Davor Suker, presidente federale. Nel pomeriggio, a Roshino, dove la Croazia si allena, il tecnico della Croazia darà la sua versione dei fatti.Croazia Italia svastica

Kalinic e il precedente con il Milan

L’inquieto Kalinic rivivrà quello che ha vissuto con il Milan di Gattuso, quando il tecnico lo lasciò a casa prima della partita con il Chievo perché non si era allenato bene. In campionato Kalinic ebbe il tempo di farsi perdonare, ora c’è una differenza non da poco: che il Mondiale si gioca ogni quattro anni, e che dopo aver preso certe decisioni in un torneo così difficilmente si può tornare indietro.

gattuso ofi creta

alluvione vigili del fuoco

Concorso Vigili del Fuoco 2018, nuove offerte di lavoro: ecco requisiti, prove e scadenza domande (GUIDA COMPLETA)

Imu e Tasi 2018 scadenza: oggi ultimo giorno utile, ecco quanto si paga