in

Mondiali 2018 video Isis, è tornata la minaccia: “Un massacro senza precedenti”

L’Isis è tornata. L’agenzia terroristica islamica minaccia i mondiali di calcio in Russia con un video in cui promette “un massacro come mai prima d’ora”. In un video diffuso dal tabloid inglese Daily Star, l’organizzazione terroristica mostra immagini di repertorio annunciando di voler “vendetta” nei confronti di Vladimir Putin e della Russia. Il filmato si conclude con una panoramica dello stadio di Sochi ‘sorvegliato’ da un jihadista in tuta mimetica e mitra a tracolla e virtualmente colpito da esplosioni. Non è la prima volta che i terroristi minacciano di portare il terrore ai mondali di calcio, anche nel 2014 c’erano state minacce in tal senso.

Leggi anche: Tutte le news sui Mondiali 2018 in Russia

Cosa si vede nel video Isis per minacce ai Mondiali 2018

Il filmato, analizzato dal Middle East Media Research Institute, contiene immagini di repertorio diffuse dalla branca caucasica dell’organizzazione islamista, con l’aggiunta di una scena finale dove un drone con le insegne dello Stato islamico sorvola il villaggio olimpico di Soci e gli edifici vicini in fiamme. Nel video appaiono undici terroristi, mascherati, che attaccano la Russia.

Minacce attentato terroristico Isis ai Mondiali: “Nessuno sa di noi”

“Nessuno sa che noi mujaheddin siamo in città, pronti a colpire – dice uno dei jihadisti –. Non lo sanno i nostri amici, le nostre, famiglie, i nostri colleghi, neppure i nostri fratelli. Vi stiamo aspettando, studiamo le vostre mosse e, Dio volendo, vi daremo la caccia. Attenti alle vostre auto, alle mostra case”. Un altro conferma che la minaccia non arriva solo “da Iraq e Siria” ma anche da combattenti in Russia: “Abbiamo affilato i coltelli, stiamo arrivando. Le avanguardie del nostro esercito vi colpiranno, non soltanto da Iraq e Siria, ma anche il nostro esercito in Russia”.

Nuovo conduttore de L’Eredità: Marco Liorni beffa Flavio Insinna?

virginia raggi

Scandalo stadio Roma, Raggi a Porta a Porta: «Lo sfogatoio d’Italia, forse perché sono donna?»