in ,

Mondiali pallavolo femminile, con Italia-Usa comincia oggi la terza fase

C’è un patto d’acciaio che lega le terribili ragazze del volley azzurro, impegnate nel Mondiale di pallavolo giunto alle final six, che inizieranno oggi a Milano. “Ho chiesto a tutte le ragazze, veterane ed esordienti, di giocare ogni partita come se fosse l’ultima” ha detto il ct romagnolo Marco Bonitta. Il patto tra le ragazze sta funzionando a meraviglia: finora hanno stracciato tutte dalla Cina al Giappone, dal Belgio alla Germania, una sola sconfitta al tie-break, indolore, contro la Repubblica Dominicana.Italia-usa mondiale pallavolo

Da ragazze di calendario le azzurre sono diventate una squadra che unisce l’Italia da Nord a Sud, da Bolzano a Napoli; una perfetta amalgama tra ventenni indiavolate e mamme ancora affamate di vittorie, e ancora un’ Italia simbolo di integrazione che ha nell’italo-senegalese Valentina Diouf e nell’argentina naturalizzata italiana Carolina Costagrande due punte di diamante. E poi ci sono le “veterane” Francesca Piccinini ed Eleonora Lo Bianco, entrambe al quarto mondiale, con la Lo Bianco unica reduce delle ribelli che nel 2006 chiesero la testa del ct Bonitta (“Tutto chiarito”, dice il tecnico, “entrambi siamo cambiati”).

Sono ragazze speciali le azzurre del volley: non amano i social, hanno pochi tatuaggi, amano la lettura, e da Agosto (cioè da quando è iniziato il ritiro) coltivano un sogno: tutte unite vogliono conquistare Milano per conquistare il mondo, come fu a Berlino nel 2002( con Bonitta ct, che dice di rivedere quello stesso spirito di gruppo). Brasile, Cina, Russia e Repubblica Dominicana sono avvisate, le splendide ragazze azzurre vogliono stupire ancora. Appuntamento stasera alle ore 20 al Forum di Assago contro le vice campionesse olimpiche americane, per continuare a sognare tutti insieme.

Fuori Onda anticipazioni

Matrimoni gay, Alfano: “Su di me una violenza inaudita”

cos'è il mercato del lavoro

Crisi economica: chi sono i 94.000 emigranti italiani che nel 2013 hanno abbandonato il Belpaese