in ,

Mondiali volley femminile, l’Italia straccia gli Usa, secco 3 a 0

Nel debutto della terza fase del Mondiale le azzurre stracciano le americane con un successo che non ammette repliche: 3 a 0 (25-23; 25-22; 25-20), risultato secco per una partita entusiasmante, carica d’intensità e così le ragazze, davanti a 10 mila persone, strappano un’ipoteca importante verso la semifinale di Sabato; stasera ci sarà Russia-Usa e venerdì le azzurre affronteranno le russe, campionesse in carica da 8 anni.   Mondiali Volley

Il primo set è in salita per l’Italia che si trova in difficoltà soprattutto a muro, fino ad arrivare a 22-19 per le americane, ma un doppio cambio di Bonitta e 3 battute velenose di Francesca Ferretti portano il risultato in parità, da questo momento l’Italia prende in mano la partita e un muro di Antonella Del Core regala il primo set alle azzurre. Il secondo set è molto combattuto, le statunitensi non mollano un punto con Hill e Larsson in gran forma, ma intanto sale in cattedra Eleonora Lo Bianco con la sua regia sopraffina innesca i martelli azzurri con grande facilità. Si arriva sul 22 pari con Costagrande in battuta che mette in difficoltà le americane, e l’Italia spinta da un Forum indiavolato si porta sul 2a0. Nel terzo set le azzurre prendono subito il largo con Arrighetti e Chirichella perfette a muro, una difesa impeccabile e una Lo Bianco stellare e si chiude in poco più di 20 minuti, il Forum può esplodere e le ragazze impazzire di gioia, la semifinale è ipotecata.

Grande euforia nel post partita tra le azzurre che, però, da stamattina già devono pensare alla Russia, la strada è ancora lunga ma le ragazze vogliono continuare questo sogno spinte da un Forum che può essere l’arma in più di questa Italia. Nell’altro girone il Brasile abbbatte la Cina 3 a 0 e si candida tra le favorite, le verdeoro sono l’unica squadra ancora imbattuta nel torneo.

Napoli 14enne violentato con tubo dell'aria compressa

Napoli: violentato un 14enne con un tubo dell’aria compressa, è gravissimo

L’orgasmo vaginale non esiste: sfatato il mito del piacere femminile