in

Monica, il naso elettronico che monitora la salubrità dell’aria

Si chiama “Monica”, acronimo di “Monitoraggio cooperativo della qualità dell’aria”, un ‘naso’ elettronico messo a punto dal Centro di Ricerche Enea di Portici (Napoli), nel quale sono state create varie tipologie di sensori portatili in grado di operare in sempre più numerosi settori: dal primo sistema sviluppato per monitorare i gas vulcanici fino alle applicazioni alle prime centraline wireless per il monitoraggio della qualità dell’aria.smog in città

Monica è un gadget hi-tech studiato per stabilire il livello di inquinamento presente nell’aria che respiriamo; lo fa in tempo reale, mentre ci muoviamo per la città e siamo inevitabilmente esposti alle sostanze inquinanti presenti nell’atmosfera. Attraverso un vero e proprio monitoraggio ‘personale’, questo speciale naso elettronico rileva le aree a maggiore concentrazione di inquinamento atmosferico e, tramite le piattaforme social, comunica dei percorsi alternativi e più salutari da seguire.

E’ un sistema multisensoriale a basso costo, quindi alla portata di tutti. Molto leggero, può facilmente essere montato su uno zaino o sul manubrio della bicicletta. Le centraline di monitoraggio installate nella città, servendosi di “Monica”, entrano in contatto con il nostro smartphone attraverso una App dedicata, grazie alla quale siamo in grado di ricevere all’istante le informazioni richieste .

tape artist Bologna 2014

Tape-art: l’artista No Curves disegna col nastro adesivo (FOTO)

bimba siriana muore nel canale di sicilia

Immigrati: dalla Libia si prevede un arrembaggio con migliaia di arrivi