in ,

Monopoli, anziani spinti dagli scogli: “È stato uno scherzo”

Monopoli, anziani spinti dagli scogli, confessano i due ragazzi arrestati. “È stato uno scherzo, non una rapina.”, questa la versione fornita dai due giovani fermati di Monopoli fermati dopo aver spinto dagli scogli in mare due anziani, causandone la morte del 77enne Giuseppe Dibello.

Tutto sul mondo delle news con UrbanPost

Negli interrogatori di convalida dinanzi al gip, i due ragazzi, rispettivamente di 15 e 17 anni, hanno negato la rapina. Come riporta TgCom24, il ragazzo diciassettenne ha poi confessato di essere stato lui a spingere entrambi gli anziani dagli scogli.  Secondo quanto riportato dall’interrogatorio odierno, per la convalida del fermo, l’anziano sopravvissuto, Gesumino Aversa, aveva in tasca 650 euro della pensione. Soldi mai toccati dai due ragazzi.

Le ultimissime di cronaca con UrbanPost

Il gesto di trafugare tra gli scogli, visto a distanza da un gruppo di altri ragazzini, sarebbe stato quindi collegato al recupero del proprio telefono cellulare da parte del diciassettenne. Durante l’interrogatorio, i giovani hanno affermato di aver raggiunto il tratto di spiaggia teatro della tragedia al fine di “prendere il sole”. Il gip Riccardo Leonetti si è riservato di decidere e depositerà il provvedimento entro sabato.

Amici 16 anticipazioni prima puntata serale

Amici 16 anticipazioni registrazione ottava puntata: ecco quando sarà

Quarto Grado facebook 29 gennaio

Quarto Grado stasera anticipazioni: Sara Di Pietrantonio, il killer di Budrio e Denis Bergamini