in

Morbillo, record negativo per l’Italia: prima in Ue con 3.400 casi

Il morbillo in Italia colpisce ancora tanto, facendo occupare al nostro Paese un triste primato: primo in Ue per numero di casi. La malattia infettiva, con altissimo indice di contagiosità (97-98%)  e caratterizzata da una fastidiosa eruzione cutanea che si manifesta con macchioline e rossori in tutto il corpo, i cui primi sintomi sono in genere tosse, naso che cola, febbre alta, e occhi rossi è ancora molto difficile da debellare.Morbillo altamente contagioso

Stando infatti all’ultimo rapporto dell’European Center for Diseases Control (Ecdc), pubblicato sul sito dell’agenzia, l’obiettivo dell’eliminazione di questa malattia è ancora fuori portata. Il documento in questione si riferisce al periodo tra novembre 2012 e ottobre 2013, in cui sono stati censiti oltre 12mila casi di cui 3400 solo in Italia, con Gran Bretagna, Germania, Olanda e Romania. Da questa ricerca è emerso che in Italia il morbillo colpisce di più, con un caso su tre tra quelli che si verificano in Ue. Tra quelli esaminati è stato inoltre riscontrato che nell’87% dei casi la persona colpita non era vaccinata; un altro 9%, invece, si era sì sottoposto a vaccinazione, lasciandola però incompleta. I bambini sotto un anno di età sono quelli più colpiti, con 170 casi per milione di abitante.

E se il progetto sanitario era quello di debellare definitivamente dall’Europa il morbillo e la rosolia entro il 2015, si può certamente constatarne il fallimento. ”Il numero di casi osservati è basso rispetto agli epidemici 2010 e al 2011 ma resta inaccettabilmente alto”, sottolinea il rapporto.

 

Anticipazioni Beautiful giovedì 9 gennaio: Caroline gelosa di Maya

bambina

“Madre parassita”, e il giudice le toglie la custodia di sua figlia