in

Morte Chavez, italiani in Venezuela: Abbiamo paura

Dopo la morte del presidente del Venezuela Hugo Chavez è allarme in tutto il paese. Il consolato italiano consiglia di non uscire. Nicolás Maduro, vice di Chavez ha disposto forze armate per tutto il paese poiché il paese è diviso in due e c’è paura di una rivoluzione.

Hugo Chavez

Come hanno fatto sapere alcuni italiani emigrati in Venezuela, al momento della notizia del decesso del presidente, c’è stato tanto caos creato dalla gente per paura che accadesse qualcosa. Ma alla fine sembra che tutto sia sotto controllo. Resta il fatto che il paese è spaccato in due, da un lato c’è chi piange per la scomparsa del presidente, dall’altro chi è felice. In giro si respira tensione.

I chavisti (quelli che condividono l’ideologia politica di sinistra nazionalista basata sulle idee e i programmi di governo di Chavez) vogliono che il governo continui come con le missioni rivoluzionarie ispirate dal Presidente, mentre gli oppositori sperano in un futuro con più sicurezza, libertà di espressione e una maggiore stabilità socio-economica.

Intanto, il consolato italiano invita a non uscire di casa, il livello di tensione è alto. Gli abitanti fanno scorta di viveri in vista di una guerra civile e di una chiusura delle frontiere e dei rifornimenti. Da qualche mese scarseggiano già farina e latte.

Seguici sul nostro canale Telegram

Città della Scienza, in fiamme anche 260 posti di lavoro: quale futuro?

rapina banca parlamento

Arresto a Napoli, aveva munizioni e maschera di Berlusconi