in ,

Morte Marco Vannini news processo, carabiniere rivela: “Antonio Ciontoli mi disse ‘se parlo inguaio mio figlio Federico'”

Morte Marco Vannini colpo di scena in aula poco fa: a prendere parola il carabiniere Manlio Amadori, che la sera in cui il bagnino di Cerveteri morì (era la notte del 17 maggio 2015) ebbe modo di parlare da solo con Antonio Ciontoli, principale accusato in questo processo.

Ebbene, il teste ha rivelato un dettaglio mai emerso prima nelle indagini, che infatti non è agli atti dell’inchiesta né del dibattimento: si tratta di una sconcertante confidenza che gli avrebbe fatto Antonio Ciontoli, allorquando in caserma fu interrogato e gli venne chiesto di ricostruire l’accaduto, di spiegare come e perché Marco Vannini fu ferito con un colpo di arma da fuoco che a detta dello stesso Ciontoli fu lui ad esplodere “accidentalmente”.

Morte Marco Vannini news processo: disposta super perizia, è giunto il momento della verità

Il carabiniere Amadori – è l’inviata di Quarto Grado che sta seguendo il dibattimento in aula a rivelarlo in esclusiva – ha dichiarato che Antonio Ciontoli entrò nella sua stanza e gli disse: “Non posso andare avanti, non posso dire tutto quello che è successo perché altrimenti inguaio mio figlio Federico”.

sciopero mezzi pubblici 8 giugno 2018

Sciopero trasporti 6 luglio, Roma in tilt forti disagi: chiuse tutte le metropolitane

Vasco Rossi Modena Park 2017 bufale: dagli oggetti ritrovati al finto ricovero del Blasco