in ,

Morte Mario Biondo, nuovi esami sulla salma: perito conferma suicidio

Clamorosa indiscrezione sul caso Mario Biondo, il cameraman palermitano di 30 anni trovato morto il 30 maggio 2013 nel suo appartamento di Madrid, dove viveva con la moglie Raquel Sanchez. Come sappiamo i genitori del giovane non hanno mai accettato la tesi degli inquirenti spagnoli che chiusero il caso in tempi record, bollandolo come suicidio, e dopo vari ricorsi mesi fa avevano ottenuto che il caso venisse riaperto.

Ebbene, per il perito anatomopatologo incaricato di eseguire esami ed accertamenti sulla salmaMario Biondo si sarebbe davvero suicidato. Il medico, responsabile dell’Istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo, Paolo Procaccianti, avrebbe infatti consegnato la perizia ai pubblici ministeri titolari della nuova inchiesta, confutando la tesi dell’omicidio sostenuta dalla famiglia della vittima, e confermando invece quella degli inquirenti spagnoli.

>>> Leggi tutti gli articoli sul caso Mario Biondo

Secondo l’esperto, infatti, sulla salma di Mario Biondo non ci sarebbero segni di violenza e pressione che possano giustificare una possibile colluttazione e conseguente omicidio. Il medico legale per completare la sua analisi avrebbe anche analizzato la serie di foto scattate sul luogo della tragedia subito dopo il ritrovamento del cadavere, solo di recente consegnate ai magistrati palermitani che indagano sul caso, Calogero Ferrara e Claudio Camilleri.

Se l’indiscrezione, di cui tra le varie testate ha dato notizia anche LiveSicilia, venisse confermata dagli inquirenti, verrebbe dunque confermato che Mario Biondo si sarebbe tolto la vita stringendosi al collo un foulard, dopo averlo agganciato alla libreria del salone di casa.

 

fiori di zucca

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: fiori di zucca alla crescenza

ricette la prova del cuoco

La prova del cuoco ricette Daniele Persegani: marubini di piselli e robiola con petto di pollo