in

Morte Martina Rossi: il dettaglio sul cadavere che fa propendere per il tentato stupro

Morte Martina Rossi ultime notizie: è giunto alle battute finali il processo di primo grado a carico di Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, entrambi originari di Castiglion Fibocchi (Arezzo), accusati del reato di morte in conseguenza di tentata violenza sessuale ai danni della studentessa genovese di 20 anni, deceduta a Palma di Maiorca in circostanze mai chiarite dopo essere precipitata dal balcone al sesto piano di un hotel in Spagna il 3 agosto 2011, secondo la Procura mentre cercava di sfuggire ad un tentativo di stupro da parte di due aretini conosciuti in quella vacanza ed oggi imputati.

Potrebbe interessarti anche: Morte Martina Rossi processo, parla in aula ex fidanzato: da lei attenzioni morbose e ossessive

morta in spagna martina rossi news

Oggi 6 dicembre il procuratore di Arezzo Roberto Rossi ha chiesto una condanna a sette anni per i due imputati, che, lo ricordiamo, negano ogni addebito. La difesa porta infatti avanti la tesi del suicidio. Per l’accusa il pm ha ricostruito quanto accaduto nelle prime ore del 3 agosto 2011: a corroborare la sua tesi dei graffi sul collo di Albertoni e sul fatto che la ragazza sia stata rinvenuta cadavere in strada priva degli short. Segno, secondo il quadro accusatorio, che cadde dal balcone proprio perché disperata e in fuga dai due uomini che cercavano di abusare di lei. Di qui la richiesta per gli imputati di 4 anni per la tentata violenza 3 per morte in conseguenza di altro reato.

Ricostruito anche il profilo psicologico di Martina, una giovane solare e desiderosa di vita, che in Spagna si trovava in vacanza. “Del racconto di Albertoni e Vanneschi non tornano i dati oggettivi: la finestra per esempio era aperta perché legata con il filo dell’antenna della tv come dimostrano le foto quindi non è possibile lei che abbia aperto la finestra, preso la rincorsa e si sia buttata. Contro la tesi del lancio volontario c’è poi anche la caduta a candela che esclude lo slancio”, ha spiegato in aula il procuratore. Martina non aveva gli occhiali al momento della precipitazione. “Non ci vedeva bene quindi è normale che tentando di fuggire abbia perso l’equilibrio e sia caduta”; sempre secondo l’accusa, altro elemento indiziario a carico dei due imputati il commento che loro fecero con gli amici, come testimoniato dagli stessi in aula: ” Abbiamo lasciato il segno’ ovvero – ha commentato il procuratore – vuol dire che si attribuiscono il merito ‘dell’impresa’ …”. Gli amici in aula hanno descritto Martina come una ragazza piena di vita, tutte testimonianze che allontanano l’ipotesi del suicidio. 

Benedetta Porcaroli: età, peso, altezza, vita privata della protagonista della serie Netflix “Baby”

Qual è la differenza tra futon e tatami?