in ,

Morto Robin Williams: droga, alcolismo e depressione nella sua vita

Robin Williams è morto. Per soffocamento. Significa che si sarebbe impiccato. A guardare le sue interpretazioni in pochi avremmo detto che la vita da grande attore, indiscutibilmente grande, di Robin Williams era anche droga, alcolismo e depressione. Però quel sorriso mai a denti scoperti nascondeva qualcosa. Quasi una richiesta di aiuto. Che Robin Williams bevesse non era un mistero. Si è ricoverato tre volte per uscire dalla dipendenza. L’ultima all’inizio di luglio di quest’anno, il 2014. Il suo entuorage disse che erano solo cure. La più sonora fu nel 1982.

Robin Williams beve

Lui era presente alla morte di John Belushi. Robin Williams faceva uso di cocaina. La sera del 4 marzo 1982 era ad una festa all’Chateau Marmont a Hollywood. E’ l’hotel dove Sofia Coppola ha ambientato il suo Somewhere, dove anche Quentin Tarantino ci ha girato. L’hotel delle ster. Ma torniamo a quella sera. Insieme a Williams e Belushi c’erano anche Robert De Niro e Jack Nicholson. I suoi amici di Hollywood. Belushi si fece iniettare una speedball: coca e eroina. Morì. Erano anche questi gli ambienti che frequentava Robin Williams, che comunque ebbe la forza di ripulirsi. Poi, nel 2003, mentre era in Alaska a girare una pellicola. Riprese a bere. “Mi sentivo solo e avevo paura. Nella mia testa c’era un unico pensiero. Bere”.

Robin Williams andò in clinica nel 2006. Lo dichiarò apertamente come è solito fare a Hollywood. Intanto la depressione si era impossessata di lui. Da lì, alti e bassi. Un’altra ricaduta proprio nel 2014, il mese scorso. Poi un angelo nero deve esserselo definitivamente portato via.

qual è il vostro film preferito di Robin Williams?

Citazioni Robin Williams: le più belle

fabrizio corona mandato cattura internazionale

Nina Moric vicina a Fabrizio Corona in carcere: “Non mollare, non arrenderti”