in ,

Mosca, attacco al Nobel Solženicyn: “Arcipelago Gulag, creatività artistica”

Nel 1970 Aleksandr Solženicyn ricevette il premio Nobel per la letteratura a Stoccolma, dal re Karl Gustav di Svezia. Nel 1973 pubblicò Arcipelago Gulag, raccontando l’orrore dei lager di Stalin (nel 1945 fu condannato al campo di lavoro), e nel 1974 fu esiliato dall’Urss; tornò in Russia solamente nel 1994. Arcipelago Gulag è in seguito diventato un testo di letteratura per le scuole russe, ma direttamente da Jurij Poljakov, direttore di Literaturnaja Gazeta, è stata pubblicata ieri, 27 settembre, una denuncia all’autore: “Arcipelago Gulag va interpretato come un esempio di creatività artistica piuttosto che come descrizione della realtà“.

Secondo Poljakov Arcipelago Gulag dovrebbe essere eliminato dalle scuole russe, come se le atrocità dei gulag non fossero davvero così orrende, come descritte dal Nobel. Il Cremlino nel frattempo tace, ma nel 2018 ci sarà il centenario della nascita di uno degli autori dissidenti della Russia.

Squadra Antimafia 6 fuori Giulia Michelini

Marco Bocci e Giulia Michelini, amici o amanti? Ecco tutta la verità

muto casa giovani

Mutuo casa: fuori precari, giovani e immigrati