in

Mostra del Cinema di Venezia 2014: 3 curosità piccanti sui retroscena del red carpet

Dovete sapere che anche la Mostra del Cinema di Venezia ha il suo lato piccante, e tra gesti eclatanti, scandali del backstage e amori nati sotto i riflettori della Biennale, varie curiosità hanno reso celebre la rassegna, aggiungendo un pizzico di peperoncino alla kermesse.

Le luci rosse di Venezia. L’importante rassegna dedicata al cinema internazionale, vanta un primato molto particolare e di tutto rispetto nella storia del cinema. La prima edizione del festival ha visto comparire sul grande schermo il primo nudo integrale femminile. Mai una pellicola aveva sfidato questo tabù. Il film cecoslovacco “Estasi”, ha rotto gli schemi, regalando un ritratto della bella protagonista, l’attrice Hedy LaMarr, come mamma la aveva fatta. Il nudo integrale della donna aveva fatto impazzire di gelosia il marito che aveva cercato di ritirare dal mercato tutte le copie del film. Un tentativo vano. Quest’anno i media fremono per il primo nudo integrale di Scarlett Johansson, protagonista del film di Jonathan Glazer, “Under the skin”. Dite che il marito di Scarlett ha messo in conto la possibile crisi di gelosia?

3 curiosità da sapere sulla mostra del cinema di venezia

L’amore  di una vita. Due tra le storie d’amore più famose del cinema hanno avuto come sfondo del loro inizio  proprio il Festival di Venezia. Nel 1950 Rossellini presentò  il film “Stromboli”  per il quale  aveva scelto  come  protagonista una bellissima ma sconosciuta ragazza svedese: Ingrid Bergman. Lei, già fan del regista, gli  aveva scritto lettere piene di ammirazione. Alla Biennale scocca la scintilla e per lei Rossellini lascerà Anna Magnani, da lui diretta magistralmente in “Roma città aperta”, e con la quale aveva avuto una storia intensa e burrascosa. Pochi anni più tardi, nel 1957,  sempre sui lidi veneziani nascerà uno dei più famosi “amori” della storia. Grazie ad Elsa Maxwell, corrispondente americana e regina della mondanità del tempo,che, durante uno dei tanti feste in occasione del Festival,   presentò  la cantante lirica Maria Callas al ricco e famoso armatore greco Onassis: fu l’inizio di una storia di amore intenso e passionale, fatto di scenate, ritorni, pettegolezzi e nche  business, che ha fatto la storia del gossip.

La rivincita delle donne. Bisognerà aspettare il  1981 perché una donna vinca il Leone d’Oro, il premio della Biennale del Cinema di Venezia. Fu assegnato a Margarethe Von Trotta,  la prima volta per una donna,  per il  suo film impegnato “Anni di Piombo”.  In seguito,  nel 1992,  Jeanne Moreau è invece la prima attrice a ricevere il leone d’oro alla carriera, seguita l’anno dopo dalla nostra splendida Claudia Cardinale. Da allora  in poi le donne saranno sempre più protagoniste della Biennale e non solo come attrici. Quest’anno sarà  la volta di Thessa Schoemaker, nota  montatrice  di films da Oscar come “The Aviator” e  “The Departed”, fedele collaboratrice di Martin Scorses e con lui già vincitrice di prestigiosissimi premi.

Fonte ispirazione: Grazia.it

 

nuova fidanzata emanuele trimarchi

Uomini e donne anticipazioni: Emanuele Trimarchi non sarà tronista

facebook in ufficio vietato gli italiani aggirano la restrizione

Facebook vietato in ufficio: un terzo degli italiani aggira la restrizione