in ,

Mostra del Cinema di Venezia 2014: stile solo shabby o anche chic? I look grunge delle star maschili a confronto

Il tempo vola, siamo già alla terza giornata della 71° edizione della Mostra del Cinema di Venezia, e dopo tanto chiocciare sulle celebrity femminili, i loro abiti da favola (o incubo) sul red carpet, lustrini, e atmosfere da sogno, è tempo di dedicarci al lato più grunge di questo Festival, perché, ebbene sì, anch’esso ne ha uno. Di poco fa la notizia che Caleb Lebry Jones, l’attore di “Heaven knows what”, ha fatto il suo ingresso da prima pagina alla Biennale di Venezia, dove, scanzonato e irriverentemente fantastico,  ha fatto il suo exploit davanti ai fotografi, regalando loro degli scatti che entreranno nella storia. E così il lato “sporco” e alternativo di questa rassegna viene finalmente a galla, storia di un sostrato culturale che cambia, di un cinema che cambia, di uno stile che cambia. E proprio con riguardo a quest’ultimo, mai come quest’anno, i divi si erano lasciati andare a look urbani e trasandati, a partire dall’attore skater Clément Métayer, fino a  Caleb Lebry Jones, passando per Andrew Garfield. Ma come insegna la madrina della Mostra, Luisa Ranieri, che con una gonna zingaresca e i piedi nudi, si è lasciata immortalare dai fotografi sul lido di Venezia, il trasandato deve essere anche ricercato, per lo meno alla Biennale.

look attori Biennale di Venezia 2014

3) Sembra averlo dimenticato Andrew Garfield, che al suo sbarco in Laguna, conscio che sarebbe stato immortalato da una pioggia di flash, si è presentato con cappellino di cotone blu, barba incolta, zaino stile “scazzo” (passatemi il termine “bon ton”)  sulla spalla, sui toni del caucciù e marrone,  perfetti per uno stile shabby-chic, e poi ha rovinato tutto abbinandovi una camicia a quadri sui toni del lilla grigio e una t-shirt verde fango. Questi due capi, sarebbero stati perfetti, ma non così abbinati. Avrebbe dovuto osare una canotta a braccia larga, al posto della t-shirt, o qualche strappo qua e la. Quindi, buccia di banana e scivolone per il nostro ex spiderman, solo shabby e niente chic.

Clément Métayer look Biennale Venezia 2014

2) Di pari destino il suo collega Clément Métayer, che abbina una t-shirt con una forbice stampata, che non sa di niente, ed un giubotto di pelle marrone, bello, ma troppo poco usurato e semplice nella linea, ad un cappello super. Non convenzionale e glam, con tanto di motivo batik ad adornare il feltro, questo cappello e i pantaloni skaters, sarebbero stati i capi su cui puntare per realizzare uno stiloso look grunge, che aihmé, non è riuscito. Buccia di banana senza scivolone per Métayer, che comunque resta solo shabby, senza chic.

Look attori Biennale di Venezia 2014

1) E poi lui, Kate Moss al maschile Caleb Lebry Jones, che con sigaretta in bocca, faccia bianchissima e da schiaffi, capello alla “mi sono appena alzato”, blazer nero con bordi di raso, jeans rock style nero, t-shirt grigio chiaro con scollo a V, e camperos in pelle neri rovinati, “spara” un total black raffazzonato, che vince in stile e ci piace assai. Bravo Caleb, tu sì, sei shabby e anche chic!

Foto Andrew Garfield di www.justjared.com

Fc Inter 1908 (2)

Europa League 2014/2015: il calendario completo dell’Inter

estate trend da dimenticare

Moda estate 2014, le peggiori tendenze da dimenticare