in ,

Mostra del Cinema di Venezia 2015, Beixi Moshuo: trama del film

Grande attesa per Beixi Moshuo (Behemoth), il film che quest’oggi, venerdì 11 Settembre 2015, alla Mostra del Cinema di Venezia 2015 si è aggiudicato il Green Drop Award 2015. Diretta da Zhao Liang, la pellicola, un vero e proprio documentario, vuole indagare il comportamento umano fra follia e assurdità.

Beixi moshuo (Behemoth) racconterà, secondo un particolarissimo punto di vista, la vita dei minatori che lavorano in quelle miniere in grado di distruggere, poi, ogni bellezza della natura come la celestiale bellezza delle distese erbose che verrà presto consumata dalla polvere delle miniere o come i pascoli che continueranno a ridursi lasciando ai pastori solo una scelta da prendere, quella di partire per posti lontani alla ricerca di prati verdi dove far correre le proprie bestie. Cosa fanno i minatori? Come sopravvivono a turni massacranti? Per i lavoratori che azionano le trivelle, infatti, ogni volta si apre una lunga lotta per rimanere svegli, una lotta contro le macchine e contro se stessi che essi compiono mentre i minatori sono occupati a riempire di carbone i camion e che con indosso una maschera di polvere diventano creature simili a fantasmi. Il film, con uno sguardo leggermente pessimista, indagherà anche sulla fine dei minatori che dopo decenni passati a respirare la polvere di carbone non fanno altro che vedere la morte dietro l’angolo senza poter mai incontrare il Paradiso.

La regista di Beixi Moshuo (Behemoth) parlando del film in mostra a Venezia 72 ha detto: “Il comportamento umano si contraddistingue per follia e assurdità. Non siamo mai riusciti a liberarci dall’avidità e dall’arroganza, così il viaggio a spirale della civiltà si viene a riempire di deviazioni e regressioni. Sembra di essere posseduti da una forza mostruosa e invincibile, invece siamo noi a creare questa bestia invisibile. È la nostra volontà; siamo al tempo stesso vittime e carnefici” aggiungendo: “In Behemoth mi sono ispirato a Dante e ho descritto un’enorme catena industriale, in cui i colori rosso, grigio e blu rappresentano rispettivamente i tre regni danteschi. Attraverso lo sguardo contemplativo del film, analizzo le condizioni di vita dei lavoratori e l’insensato sviluppo urbano”.

ricette paella

Ricette La prova del cuoco: la paella alla valenciana

a copy of my mind trailer, mostra del cinema di venezia

Mostra del Cinema di Venezia 2015: “A copy of my mind”, il trailer del film di Joko Anwar