in ,

Mostra fotografica a Milano: Pachamama, la natura si riprende i suoi spazi

Si intitola “Pachamama, la natura si riprende i suoi spazi” la mostra organizzata da Manicomio Fotografico che verrà inaugurata venerdì 19 maggio ore 19 presso il BookShop Franco Angeli in Via dell’innovazione 11 a Milano. Questa volta, il gruppo di fotografi dedito all’esplorazione urbana si è concentrato sul tema di stampo ecologista della natura che lenta ed inesorabile si riappropria di quanto toltole dall’uomo e poi dimenticato.
Pachamama è un viaggio tra le rovine urbane ed industriali che costellano il nostro paese. Scopo di questa esposizione è da un lato quello di riportare l’attenzione sul tema della cementificazione facile, dell’abbandono e del mancato recupero di aree di interesse storico, artistico e culturale, dall’altro quello di evidenziare la forza della natura, che da sola torna a farsi strada tra mattoni e cemento, divorando e distruggendo quanto costruito dall’uomo. La scelta di dedicare la mostra a Pachamama (madre terra secondo gli Incas, divinità del popolo venerata in riti collettivi aperti a tutti) getta enfasi sulla volontà dei membri del Manicomio Fotografico di voler riappropriarsi simbolicamente dei luoghi abbandonati e perduti per ridistribuirli in forma iconica alla collettività. Queste fotografie sono state realizzate per smuovere pensieri, per mostrare e soprattutto per tenere traccia di luoghi che l’uomo ha deciso di perdere e che la natura nella sua lenta opera di riconquista sta definitivamente cancellando.
La mostra fotografica Pachamama, che fa parte del Milano Photofestival 2017 sarà visitabile dal 19 maggio al 17 giugno 2017 con i seguenti orari: lunedì – venerdì 08:30 – 18:30, sabato 09:00 – 13:00 presso il BookShop Franco Angeli in Via dell’Innovazione 11 – Piazza della Trivulziana.

Processo Fabrizio Corona news: “Aveva paura di Giuseppe Sculli”

avril lavigne morta bufala

Avril Lavigne morta, bufala ‘immortale’: la cantante sostituita da una sosia, la teoria complottista che mette in allarme i fan