in , ,

Mostre Milano 2017, “Dinosauri”: al Mudec i giganti dell’Argentina in una spettacolare esposizione

“Dinosauri. I giganti dell’Argentina”: è questo il titolo della mostra allestita al Mudec di Milano e visitabile sino al 9 luglio 2017. La spettacolare esposizione porterà nel capoluogo lombardo reperti e riproduzioni provenienti dall’Argentina, una delle terre più ricche e importanti per lo studio dei dinosauri.

==> MILANO: AL MUDEC VA IN SCENA KANDINSKY

E’ approdata a Milano una delle più importanti mostre scientifiche sull’evoluzione dei dinosauri, con reperti unici provenienti tutti da un territorio paleontologicamente ricco come l’Argentina: l’esposizione – dal titolo “Dinosauri. I giganti dell’Argentina” – sarà visitabile sino al 9 luglio 2017 e permetterà di intraprendere un viaggio virtuale in 150 milioni di anni di storia naturale, raccontati attraverso  reperti e copie accuratissime provenienti dall’Argentina, uno dei territori più ricchi ed importanti per lo studio dei dinosauri. In mostra, quindi, sia pezzi originali provenienti da alcune delle collezioni scientifiche più prestigiose ma anche riproduzioni ottenute con tecniche sofisticatissime a partire dai resti fossili.

==> PIANETA 9: DALL’AUSTRALIA SI CERCANO VOLONTARI PER DARGLI LA CACCIA

Il percorso espositivo della mostra “Dinosauri. Giganti dall’Argentina” è organizzato seguendo una linea cronologica e ripercorre l’intera storia dell’evoluzione dei dinosauri partendo dal Triassico: importanti testimonianze di questo periodo sono state ritrovate nelle rocce del parco naturale di Ischigualasto, lo stesso luogo da cui provengono i cinque dinosauri più antichi tra quelli noti finora. La spettacolare esposizione allestita al Mudec passerà poi al periodo Giurassico per concludersi con il Cretaceo. Per maggiori info, www.mudec.it.

Foto: Twitter

fuorisalone milano 2017 date programma

Fuorisalone 2017 date e programma: 10 appuntamenti da non perdere a Milano

vladimir putin sindrome asperger

Russia Attentato: cosa sappiamo sull’esplosione nella metro di San Pietroburgo [FOTO]