in , ,

Mostre Roma 2017: alle Scuderie del Quirinale “Il Museo Universale: dal sogno di Napoleone a Canova”

Grandi mostre a Roma anche nel 2017: alle Scuderie del Quirinale ha aperto infatti “Il Museo Universale. Dal sogno di Napoleone a Canova”. Sino a marzo 2017, il pubblico potrà ammirare numerose opere degli artisti italiani più celebri e tornate in Italia dopo Napoleone.

Ha aperto il 16 dicembre e sarà visitabile sino al 12 marzo 2017 la mostra “Il Museo Universale. Dal sogno di Napoleone a Canova” allestite alle Scuderie del Quirinale a Roma. L’esposizione ha come scopo principale quello di rievocare l’avventuroso recupero del capolavori italiani dalla Francia grazie al percorso espositivo che prevede opere di artisti quali Raffaello, Tiziano, Carracci, Guido Reni, Tintoretto o Canova. Nel 2016, infatti, ricorre l’anniversario del rientro a Roma dei capolavori artistici e archeologici dello Stato Pontificio requisiti dai napoleonici. Questo episodio fu preceduto e accompagnato dal recupero da parte di altre amministrazioni della penisola di molti degli oltre 500 dipinti che, tra il 1796 e il 1814 nel corso delle campagne militari francesi, erano stati prelevati dai territori italiani, inviati a Parigi e selezionati per essere esposti nel nascente Museo del Louvre.

=> LE MOSTRE PIU’ AMATE DEL 2016

Il progetto della mostra romana “Il Museo Universale. Dal sogno di Napoleone a Canova” è nato circa due anni fa e ha come scopo quello di far riflettere i visitatori sull’importanza dell’identità, nazionale ma soprattutto europea. I capolavori italiani esposti in mostra, infatti, rappresentano una chiave di volta per il patrimonio artistico europeo: è proprio per questo motivo che i capolavori degli artisti italiani vennero messi al centro del programma di creare un museo universale o della libertà nel periodo della Francia rivoluzionaria.

Foto: Facebook/Scuderie del Quirinale

Capodanno 2017 idee last minute low cost

Capodanno 2017 idee last minute: le migliori offerte low cost in Italia

Pooh scaletta concerto Bologna 30 dicembre 2016: ecco tutto quello che devi sapere