in

Moto GP, Jerez: comanda Lorenzo, Rossi 6° e Marquez solo 8°

Lorenzo sembra tornato e ha scelto il suo GP di casa, Jerez, per farlo. Certo, è presto per dire se è l’inizio della riscossa o un semplice fuoco di paglia, ma il Lorenzo visto nelle prime libere del GP di Spagna ha davvero impressionato: miglior tempo per il  maiorchino sulla sua Yamaha in 1’39″174, con 49 millesimi di vantaggio sulla Suzuki di Aleix Espargaro, che però ha utilizzato le gomme più morbide. Tutti gli altri seguano a distanza. A più di mezzo secondo, Crutchlow (Honda Lcr) è terzo, poi c’è il solito Dovizioso, quarto a 0″568 con la Ducati, e quinto Pol Espargaro (Yamaha Tech 3).
Valentino Rossi, il leader nel mondiale, è sesto a 0″698 e precede Vinales e Marc Marquez. L’iridato è l’osservato speciale del week end, visto che corre a pochi giorni dall’intervento per la frattura del mignolo della mano sinistra: bendaggio, guanto speciale e tutto apparentemente sotto controllo, anche se il distacco da Lorenzo è alto (0″740) e c’è stata qualche imprecisione di troppo in staccata. Jerez è il primo appuntamento dopo il GP di Argentina, teatro dell’ormai celebre duello con caduta tra Rossi e Marquez. Alla domanda inevitabile nella conferenza stampa di Jerez, Rossi ha risposto con una battuta delle sue: “Se è cambiato il mio rapporto con Marquez? Non ci daremo baci come prima ma a letto resterà tutto uguale…È un peccato quello che è successo – ha detto Rossi – era un momento duro della corsa e in quel cambio di direzione ci siamo toccati, avremmo lottato fino alla fine. I giornalisti ne vogliono parlare a tutti i costi, i piloti non si lamentano, ma voi insistete. Pazienza”.
Tornando alle prime libere di Jerez, chiudono i dieci Hector Barbera (Ducati Avintia) e Scott Redding (Honda Vds), mentre Andrea Iannone è 12° (+0″917); Danilo Petrucci (Ducati Pramac) è 15° a 1″191, Alvaro Bautista (Aprilia) 22° a 2″242, Marco Melandri (Aprilia) 24° a 2″740 e Alex De Angelis (Art Ioda) ultimo a 3″159.

Escher mostra ponte primo maggio 2015

Musei gratis domenica 3 maggio 2015 e mostre da non perdere, da Roma a Milano

Omicidio Pordenone pista passionale news

Omicidio Pordenone, news pista passionale: il killer frequenta la palestra?