in

Moto Gp Sepang: scontro Rossi – Marquez, chi ha ragione? Ecco le onboard di entrambi i piloti

Sono passati quattro giorni dal penultimo appuntamento del Mondiale di MotoGp, l’ormai famosissimo Gp di Sepang. Gran Premio che passerà alla storia per lo scontro Rossi – Marquez, costato caro al Dottore che nella prossima, e ultima gara, dovrà partire dall’ultimo posto in griglia. Durante questi quattro giorni se ne sono viste e se ne sono dette di tutti i colori: dalla possibile assenza di Rossi a Valencia (poi smentita via Twitter) all’hashtag #escilo rivolto dal popolo dei social ad Andrea Iannone; dai presunti patti segreti tra Lorenzo e Marquez alla strigliata dell’ex di turno Sete Gibernau.

Quest’oggi però, a distanza di quattro giorni dallo scontro Rossi – Marquez, vogliamo fare un pò di chiarezza su quanto avvenuto alla curva 14, durante il settimo giro del Gp di Sepang. Il primo video proposto è quello tratto dall’onboard camera posta sulla Yamaha di Rossi. Le immagini non sono molto chiare, è possibile soltanto vedere Rossi mentre esce da curva 13, lancia un’occhiata a Marquez che dopo poco compare nell’immagine per poi scomparire subito dopo “accompagnato” dalla gamba di Valentino. Le urla dei commentatori e Valentino che si volta, prendendo velocità, fanno intendere che Marquez è finito a terra.

Il secondo viedo è tratto invece dall’onboard camera posta sull’Hrc di Marquez. La prima cosa che si può notare è l’impressione che Marc non sfrutti appieno il potenziale della sua Honda, proprio per cercare di rallentare Valentino. La seconda cosa che si nota è che Valentino cerchi di ostruire la traiettoria dello spagnolo che però gli va a finire addosso per poi essere atterrato da quella gamba galeotta. Chi ha ragione? Rossi o Marquez? Ai posteri l’ardua sentenza…intanto si freme nell’attesa del gran finale di Valencia.

startup notum intervista esclusiva

Startup, INTERVISTA ESCLUSIVA a Notum: il marketplace per il giornalismo del futuro

Moussa Sissoko

Calciomercato Juventus: Pogba è irriconoscibile, ma Raiola apre l’asta